iscrizionenewslettergif
Economia

Gli stipendi reali sono cresciuti di 29 euro in dieci anni

Di Redazione23 luglio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gli stipendi reali sono cresciuti di 29 euro in dieci anni

Gli stipendi reali sono cresciuti di 29 euro in dieci anni

ROMA — Per anni ci hanno detto che gli stipendi aumentavano dell’uno-due per cento ogni 12 mesi. Ora invece salta fuori che dal 2000 al 2010, la busta paga dei lavoratori dipendenti in realtà non è mai cresciuta.

Nel decennio, l’aumento delle retribuzioni medie reali è stato infatti di soli 29 euro, passando da 1.410 a 1.439 euro (+2 per cento). È quanto emerge dalle tabelle contenute nella relazione annuale di Bankitalia.

Dai dati emerge inoltre che una differenza fra il nord, il centro e il sud. Nel centro-nord, le retribuzioni medie reali sono passate dai 1.466 euro del 2000 a 1.503 euro del 2010, con un aumento di 64 euro.

Nel mezzogiorno, invece, sono passate da 1.267 euro a 1.276 euro, con una crescita di soli 9 euro.

In entrabi i casi, si tratta di spiccioli, mentre il costo della vita è aumentato in maniera esponenziale.

Dopo un periodo di relativa crescita fino al 2006, gli stipendi sono arretrati a causa della crisi degli anni successivi, con un arretramento che si è mangiato circa il 50 per cento degli aumenti precedenti.

Le differenze restano notevoli anche tra i due sessi. Gli uomini che sono passati da 1.539 euro a 1.586 euro (+47 euro), e le donne, che partivano da 1.220 euro e sono arrivate e 1.253 euro (+35 euro).

Borse a picco: Piazza Affari perde il 4,7 per cento

Giornata nera per le Borse europee MILANO -- E' stata una giornata drammatica sul versante finanziario. Piazza Affari e tutte le ...

Lunedì nero sui mercati: Milano sotto pressione, vola lo spread

Lunedì nero in Borsa MILANO -- Venerdì crollo del 5 per cento, oggi bis anche se con flessione minore. ...