iscrizionenewslettergif
Bergamo Economia

Ubi banca taglia 1500 dipendenti e chiude 44 filiali

Di Redazione19 luglio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La Banca popolare di Bergamo, gruppo Ubi

La Banca popolare di Bergamo, gruppo Ubi

BERGAMO — Dopo Unicredit, Intesa e Monte dei Paschi, anche Ubi si prepara a una pesante ristrutturazione che comporterà una riduzione degli organici e delle filiali.

Secondo quanto reso noto dal gruppo bancario, il piano porterà risparmi per circa 115 milioni di euro a partire dal 2014. Ma già dal 2013 si contano di ottenere “almeno 70 milioni”. Il progetto prevede la chiusura o vendita di 44 sportelli e la trasformazione di 78 sportelli in minisportelli.

“La riduzione degli organici – si legge in una nota della banca – è stimabile in circa 1.500 unità full-time”. Verrà effettuata attraverso fondi di solidarietà per il prepensionamento e una “maggiore flessibilità in tema di orario di lavoro”. Il gruppo bancario ne discuterà con i sindacati, con l’obiettivo di chiudere la partita entro ottobre.

Il piano prevede anche la riduzione di almeno il 20 per cento dei costi complessivi della governance tagliando sia il numero che gli stipendi dei componenti degli organi societari. Nessuna novità invece, per il cosiddetto “bancone”, ovvero l’accorpamento delle banche locali, peraltro sempre negato dall’amministratore delegato Victor Massiah.

Processo Ros: assolto l’ex pm Mario Conte

Il tribunale assolve Mario Conte BERGAMO -- Quindici anni di calvario giudiziario finiti con un'assoluzione. Il tribunale di Milano ha ...

Ubi banca, Jannone: tagli dei dipendenti inaccettabili

Giorgio Jannone, presidente dell'associazione Azionisti Ubi BERGAMO -- "I tagli di 1.500 dipendenti, che si sommano alle altre migliaia di recenti ...