iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Politica

Pacì Paciana, l’Udc: il sindaco Tentorio intervenga

Di Redazione16 luglio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I giovani Udc al gazebo

I giovani Udc al gazebo

BERGAMO — “Non è più il tempo di promesse, ma invitiamo l’amministrazione comunale ad agire”. Lo ha detto il segretario cittadino dell’Udc Federico Villa a margine della raccolta firme che i giovani del partito hanno effettuato sabato in piazza Aquileia, a Bergamo, per protestare contro gli schiamazzi e il caos per i residenti della zona provocato dal centro sociale Pacì Paciana.

I giovani centristi sono scesi in piazza per una raccolta firme per chiedere al Sindaco Tentorio un rapido intervento per risolvere le problematiche causate dal Pacì Paciana. Sono state raccolte 103 firme.

“Oggi abbiamo ascoltato la voce di moltissimi cittadini esasperati dalle problematiche causate da centro sociale autogestito, in primis il mancato rispetto delle basilari regole di quiete pubblica” spiega Villa. “Di fronte ad un numero così elevato di richieste di intervento, non ci si può più nascondere dietro a false promesse, è necessario mobilitarsi immediatamente. L’Unione di Centro di Bergamo, sarà in prima linea nel cercare di risolvere i problemi che il Pacì Paciana crea ai residenti, oltre che a trovare valide forme di associazione che rispettino però le regole, nell’interesse di tutti”.

Presente il vice segretario provinciale Antonio Leonetti che sottolinea come questo problema che non riguarda solo la città deve essere presente in tutte le sedi istituzionali, perché una città è realmente viva nel momento in cui ogni individuo tutela e soddisfa i propri interessi non calpestando i diritti altrui.

Il movimento giovanile, rappresentato da Francesco Facheris e Lorenzo Asdrubali, sottolinea la necessità di un nuovo protagonismo da parte dei giovani in politica, per rendere Bergamo una città più viva ma non necessariamente più rumorosa, con maggiore senso civico.

Rodolfo Pinto, responsabile della sicurezza, conclude dicendo che “le regole che valgono per chi paga le tasse e ha richiesto le licenze, a maggior ragione devono valere per chi ha occupato abusivamente un edificio pubblico”.

Villa porterà la voce si questi cittadini nelle sedi istituzionali opportune nei prossimi giorni, in primis al sindaco e al questore. “Attendiamo risposte ma soprattutto promesse che vengano realmente mantenute” ha concluso il segretario cittadino dell’Udc.

Berlusconi cambia il nome del Pdl: torna Forza Italia

Silvio Berlusconi MILANO -- Ritorno a Forza Italia. Che il nome Pdl non sia mai piaciuto a ...

Berlusconi fa retromarcia: il nome Forza Italia era solo un’idea

Silvio Berlusconi MILANO -- Un passo avanti e due indietro. Come nella migliore tradizione berlusconiana, l'annuncio di ...