iscrizionenewslettergif
Bergamo

Yara, il pm: non servono altre analisi sulle tracce di dna

Di Redazione12 luglio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Letizia Ruggeri, il pubblico ministero titolare delle indagini su Yara

Letizia Ruggeri, il pubblico ministero titolare delle indagini su Yara

BERGAMO — Nonostante le richieste del consulente della famiglia Gambirasio, il genetista Giorgio Portera, il pubblico ministero Letizia Ruggeri titolare del fascicolo sull’omicidio della piccola Yara ha negato la possibilità di nuove analisi sulle tracce biologiche ritrovate.

Nei giorni scorsi il consulente della famiglia Gambirasio, in un’intervista al TG3 Lombardia aveva detto che ci sono altre tracce secondarie, nella fattispecie pelle e capelli, su cui andrebbero fatte ulteriori analisi che potrebbero portare indicazioni importanti per le indagini. Portera aveva aggiunto inoltre che la pista seguita dagli investigatori che conduce a Gorno grazie alle analisi di un ceppo familiare di dna, potrebbe essere anche frutto di coincidenze fortuite e casuali. Da qui l’esigenza di ulteriori analisi verso piste diverse, come quella riguardante le amicizie della sorella di Yara, Keba, di 17 anni.

La Ruggeri però non è della stessa opinione.  “Non ho disposto nuove analisi perchè al momento non sono necessarie” ha detto il pubblico ministero sulle osservazioni di Portera. “Per le analisi su tracce e dna mi sono affidata ai Ris, massimi esperti in materia che conoscono ogni aspetto di questa indagine: mi fido delle loro valutazioni”.

Truffa corsi fantasma: arrestato mediatore bergamasco

La Guardia di Finanza BERGAMO -- C'è anche un mediatore creditizio che opera in Bergamasca fra le persone arrestate ...

L’afa si allenta: piogge e temporali nel fine settimana

Previsti piogge e temporali nel fine settimana BERGAMO -- Tenete l'ombrello a portata di mano. Perché sarà un fine settimana con il ...