iscrizionenewslettergif
Poesie

“La pace” di Alda Merini

Di Redazione5 luglio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

La pace che sgorga dal cuore
e a volte diventa sangue,
il tuo amore
che a volte mi tocca
e poi diventa tragedia
la morte qui sulle mie spalle,
come un bambino pieno di fame
che chiede luce e cammina.
Far camminare un bimbo è cosa semplice,
tremendo è portare gli uomini
verso la pace,
essi accontentano la morte
per ogni dove,
come fosse una bocca da sfamare.
Ma tu maestro che ascolti
i palpiti di tanti soldati,
sai che le bocche della morte
sono di cartapesta,
più sinuosi dei dolci
le labbra intoccabili
della donna che t’ama.

“Sempre vieni dal mare” di Cesare Pavese

mare002Sempre vieni dal mare e ne hai la voce roca, sempre hai occhi segreti d'acqua viva tra i ...

“Rose calpestava” di Sibilla Aleramo

rosaRose calpestava nel suo delirio e il corpo bianco che amava. Ad ogni lividura più mi prostravo, oh ...