iscrizionenewslettergif
Bassa

Si apre la diga: in 8 rischiano di annegare nell’Adda

Di Redazione2 luglio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I sommozzatori in azione

I sommozzatori in azione

FARA GERA D’ADDA — Non si sono avveduti dell’apertura di una diga a monte. E così, dopo aver violato i divieti di balneazione, otto persone hanno rischiato di annegare ieri pomeriggio nel tratto dell’Adda che attraversa la Bassa Bergamasca.

Due gli episodi a rischio. Il primo è avvenuto verso le 17. Tre persone sono stata miracolosamente tratte in salvo dal personale del 118 e dai sommozzatori di Treviglio. Si erano gettate in acqua per trovare refrigerio ma sono finiti avvolti dai mulinelli.

Una ventina di minuti più tardi, e più a sud, è toccato ad altre cinque sudamericani nella zona di Cassano d’Adda, sempre in una zona in cui si formano mulinelli nell’acqua. Anche loro sono stati soccorsi e riportati a riva.

Romano: tre giovani vite spazzate via da un incidente

La corsa dell'ambulanza ROMANO DI LOMBARDIA -- Tre giovani vite spazzate via in una notte d'estate, nella Bassa ...

Rassegna di film d’essai a Treviglio

Una scena de "Il pescatore di sogni" TREVIGLIO -- Comincia questa sera con la proiezione de "Il pescatore di sogni" la rassegna ...