iscrizionenewslettergif
Poesie

“Solo e pensoso i più deserti campi” di Petrarca

Di Redazione29 giugno 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Solo e pensoso i più deserti campi
vo mesurando a passi tardi e lenti,
e gli occhi porto per fuggire intenti
ove vestigio uman l’arena stampi

Altro schermo non trovo che mi scampi
dal manifesto accorger de le genti,
perché negli atti d’alegrezza spenti
di fuor si legge com’io dentro avampi:

sì ch’io mi credo omai che monti et piagge
e fiumi et selve sappian di che tempre
sia la mia vita, ch’è celata altrui.

Ma pur sì aspre vie né sì selvagge
cercar non so ch’Amor non venga sempre
ragionando con meco, et io co·llui.


“Realtà e metafora” di M.L. Spaziani

images-23Tu, realtà e metafora, luminoso corpo dal doppio segno. Tu moneta d'inscindibile faccia, bianco cigno che ingloba il ...

“Sempre vieni dal mare” di Cesare Pavese

mare002Sempre vieni dal mare e ne hai la voce roca, sempre hai occhi segreti d'acqua viva tra i ...