iscrizionenewslettergif
Economia

Nuova stangata: a luglio crescono ancora luce e gas

Di Redazione29 giugno 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Contatori dell'Enel

Contatori dell'Enel

ROMA — Nonostante la diminuzione del prezzo del petrolio e del gas, nuovo aumento per le bollette italiane a partire dal primo luglio. Per il gas l’incremento deciso dall’Autorità dell’energia è del 2,6 per cento, con un aggravio annuo di spesa di 32 euro. Mentre per la corrente elettrica, dopo l’impennata del trimestre scorso il rincaro è dello 0,2 per cento, pari a un euro in più.

Eppure, dopo i massimi di oltre i 125 dollari al barile registrati in marzo, il greggio ha registrato un progressivo calo, attestandosi su valori inferiori ai 100 dollari, e tenderà ancora a scendere. E allora come si spiegano i rincari?

L’Autorità parla della necessità di copertura tariffaria di alcuni oneri generali di sistema quali la promozione dell’efficienza energetica, i regimi tariffari speciali (A4) e le compensazioni economiche per le comunità che vivono in territori con impianti nucleari, che hanno comportato un incremento dello 0,3 per cento. Solo che gli impianti nucleari in Italia sono dismessi da trent’anni, eppure, a quanto pare, paghiamo ancora. Ma è realmente così?

LEGGI ANCHE
Energia, ma i rincari sono davvero giustificati?

Europa, vince la linea Monti: Merkel furiosa

Angela Merkel e Mario Monti BRUXELLES, Belgio -- I paesi virtuosi potranno usare i fondi salva Stati per assicurare la ...

Intesa storica a Bruxelles: l’Europa sfugge all’abisso

Mario Monti e il commissario europeo Barroso BRUXELLES, Belgio -- Arrivati sull'orlo della abisso, ai 27 paesi d'Europa non è rimasto che ...