iscrizionenewslettergif
Bergamo

Rapinano prostitute in casa: due italiani nei guai

Di Redazione28 giugno 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Una prostituta

Una prostituta

BERGAMO — Contattavano prostitute che esercitavano la professione in casa attraverso annunci a luci rosse sui giornali. Poi si recavano all’appuntamento e le rapinavano. Gli agenti della squadra mobile di Bergamo hanno denunciato due italiani, autori di una rapina e probabilmente anche di altre avvenute negli ultimi tempi.

I due sono un 32enne di Bovisio Masciago, in provincia di Monza, con precedenti penali, e un 31 calabrese residente a Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo. Sarebbero loro gli autori materiali di una rapina ai danni di una prostituta brasiliana di 32 anni avvenuta mercoledì 6 giugno alle 22, in via San Bernardino, a Bergamo.

La donna è stata minacciata con una pistola e costretta a consegnare l’incasso della giornata: circa 400 euro. Ma gli investigatori sospettano che i due siano responsabili anche di altre rapine simili avvenute, con la medesima tecnica, negli ultimi tempi. Sempre a donne straniere, approfittando del fatto che le lucciole spesso, per ovvi motivi, faticano a denunciare.

Confapi Industria sbarca a Bergamo

Paolo Galassi, presidente di Confapi Industria BERGAMO -- La Confapi Milano si allarga in Lombardia, apre una sede anche a Bergamo ...

Bergamo Alta, riaperta la funicolare di San Vigilio

La funicolare di San Vigilio BERGAMO -- L'azienda municipalizzata dei trasporti Atb comunica che la funicolare di San Vigilio è ...