iscrizionenewslettergif
Poesie

“L’insonnia di una notte d’estate” di Umberto Saba

Di Redazione27 giugno 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Mi sono messo a giacere
sotto le stelle,
una di quelle
notti che fanno dell’insonnia tetra
un religioso piacere.
Il mio guanciale è una pietra.

Siede, a due passi, un cane.
Siede immobile e guarda
sempre un punto, lontano.
Sembra quasi che pensi,
che sia degno di un rito,
che nel suo corpo passino i silenzi
dell’infinito.

Di sotto un cielo così turchino,
di una notte così stellata,
Giacobbe sognò la scalata
d’angeli di tra il cielo e il suo guanciale,
ch’era una pietra.
In stelle innumerevoli il fanciullo
contava la progenie sua a venire;
in quel paese ove fuggiva l’ire
del più forte Esaù,
un impero incrollabile nel fiore
della ricchezza per i figli suoi;
e l’incubo del sogno era il Signore
che lottava con lui.


“Donne ch’avete” di Dante Alighieri

images31Donne ch'avete intelletto d'amore, i' vo' con voi de la mia donna dire, non perch'io creda sua ...

“Realtà e metafora” di M.L. Spaziani

images-23Tu, realtà e metafora, luminoso corpo dal doppio segno. Tu moneta d'inscindibile faccia, bianco cigno che ingloba il ...