iscrizionenewslettergif
Politica

Berlusconi: torniamo alla lira. Poi precisa: provocazione

Di Redazione21 giugno 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

ROMA — Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Nonostante l’assenza dal governo da ormai sette mesi, Silvio Berlusconi non ha perso la cattiva abitudine di lanciare messaggi a dir poco discutibili, per poi rimangiarsi tutto nel giro di poche ore.

Ieri pomeriggio l’ex premier, alla presentazione di un libro, aveva detto testualmente: “Non credo sia una bestemmia l’ipotesi di uscire dall’euro, così da poter pensare a procedere con una svalutazione competitiva”. Berlusconi aveva insistito sulla eventualità che i vari Stati dell’Eurozona possano ipotizzare una uscita dall’euro e “un ritorno alle proprie monete nazionali”, aggiungendo: “Certo non sarebbe auspicabile, ma ci sarebbero anche dei vantaggi”.

L’idea, quantomeno balzana per un partito che sostiene Monti, per giunta in un periodo in cui il paese sta facendo sacrifici immani per non finire nel baratro, ha fatto il giro di tutte le agenzie del mondo, facendo prendere un coccolone a mezza Europa. Tanto che Berlusconi in serata ha dovuto rintuzzare le sue dichiarazioni. Scherzo cinese: “Era una provocazione – ha detto l’ex premier al Wall Street Journal -. Chiaramente l’uscita dall’euro di singoli Paesi, o peggio lo sfaldamento dell’Eurozona, sono prospettive che fino a poco tempo fa sembravano impensabili, mentre oggi sono possibili. Perché questo scenario di disgregazione torni a essere impensabile – ha spiegato il leader del Pdl – occorre una sterzata in direzione opposta: l’unione politica”.

L’ex primo ministro lancia un appello al suo successore: “Auspichiamo che il presidente del Consiglio Mario Monti sappia al prossimo vertice europeo di fine mese far valere la nostra solidità e la nostra forza economica e al tavolo faccia pressione affinché la Germania ammorbidisca le sue posizioni”.

Francia: e il ministro ha una storia con la bella 22enne

Il ministro Moscovici con la bella compagna di 22 anni PARIGI, Francia -- Sta suscitando un vespaio di polemiche la relazione fra il ministro francese ...

Intesa Pdl-Lega: salta il taglio dei parlamentari

Il senatore della Lega Roberto Calderoli ROMA -- Grazie a una rediviva intesa fra Pdl e Lega è stato accantonato il ...