iscrizionenewslettergif
Poesie

“L’ago di Garda” di Gianni Rodari

Di Redazione19 giugno 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

C’era una volta un lago, e uno scolaro
un po’ somaro, un po’ mago,
con un piccolo apostrofo
lo trasformò in un ago.
“Oh, guarda, guarda –
la gente diceva
– l’ago di Garda!”
“Un ago importante:
è segnato perfino sull’atlante”.
“Dicono che è pescoso.
Il fatto è misterioso:
dove staranno i pesci, nella cruna?”
“E dove si specchierà la luna?”
“Sulla punta si pungerà,
si farà male…”
“Ho letto che ci naviga un battello”.
“Sarà piuttosto un ditale”.
Da tante critiche punto sul vivo
mago distratto cancellò l’errore,
ma lo fece con tanta furia
che per colmo d’ingiuria,
si rovesciò l’inchiostro
formando un lago nero e senza apostrofo.

“La più bella” di Guido Gozzano

sapelo-island-richard-barham Ma bella più di tutte l'Isola Non-Trovata: quella che il Re di Spagna s'ebbe da suo ...

“Notte prima degli esami” di Antonello Venditti

chordcouplefriendsguitarphoto-e241b36979f0ac93c49db78d7e439da8_h Con un augurio a tutte le ragazze e i ragazzi che da oggi affronteranno l'esame ...