iscrizionenewslettergif
Politica

Frode fiscale: il pm chiede 3 anni e 8 mesi per Berlusconi

Di Redazione19 giugno 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

MILANO — Dopo una durissima requisitoria, i pubblici ministeri di Milano Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro hanno chiesto 3 anni e 8 mesi di reclusione per Silvio Berlusconi nel processo Mediaset.

Il Cavaliere è imputato di frode fiscale per presunte irregolarità nella compravendita dei diritti tv da parte dell’azienda del Biscione.

La pubblica accusa ha chiesto anche tre anni e 4 mesi per il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri e 3 anni e 8 mesi per il produttore americano Frank Agrama.

Secondo l’accusa sui fondi neri, frutto di presunti costi gonfiati, ci sarebbero le “impronte digitali” di Berlusconi. Secca al replica del Cavaliere che in serata ha definito “assurda” la richiesta della Procura di Milano. In una nota diffusa alla stampa Berlusconi spiega che durante il suo mandato non ha avuto “la voglia e il tempo di interferire in una società quotata in borsa inducendo i suoi dirigenti a eludere il fisco”.

Per i legali di Silvio Berlusconi, Piero Longo e Niccolò Ghedini, le tesi sostenute dalla procura sono “insussistenti”. “Mentre la procura di Milano chiedeva con argomenti insussistenti e privi di ogni fondamento la condanna di Berlusconi, la Corte di Cassazione depositava la motivazione con cui assolveva lo stesso Berlusconi per la medesima vicenda, ancorché per anni diversi” concludono gli avvocati difensori.

Capelli (Pdl): riconoscere a Formigoni il lavoro ben fatto

Il coordinatore del Pdl di Bergamo Angelo Capelli BERGAMO -- "E’ stata una giornata di riflessione politica, su quanto fatto dal Governo Formigoni ...

Grillo: l’Imu l’ha voluta la Lega. Maroni: solite falsità

Beppe Grillo MILANO -- Botta e risposta telematico fra Beppe Grillo e Roberto Maroni sulla paternità dell'Imu, ...