iscrizionenewslettergif
Provincia

Pesanti approcci a tre ragazzine: capotreno rinviato a giudizio

Di Redazione14 giugno 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La polizia ferroviaria

La polizia ferroviaria

BERGAMO — Avrebbe fatto avances spinte a tre ragazzine minorenni, arrivando a palpeggiarle sul treno. Un capotreno di 55 anni, residente a Mapello è stato rinviato a giudizio.

L’episodio incriminato risale al 16 luglio dell’anno scorso. Le tre ragazze, tutte di Verdello, stavano raggiungendo Milano per una gita. Una volta salite sul treno hanno cercato il controllore per regolarizzare i loro biglietti, non obliterati.

Nell’ultima carrozza del convoglio le tre – due quindicenni e una quattordicenne – trovano il capotreno. Stando alla denunce presentate dalle famiglie delle giovani, il funzionario delle ferrovie avrebbe tentato pesanti approcci, con abbracci, carezze sui capelli, invitando le ragazze a sedersi su di lui, condendo il tutto con domande intime.

I racconti delle ragazze coincidono. Per questo il giudice ha ordinato il rinvio a giudizio dell’uomo. Per lui l’accusa è pesantissima: violenza sessuale su minori.

Autostrada Bergamo-Treviglio: i comitati chiedono il blocco

La sede della Provincia di Bergamo BERGAMO -- Hanno consegnato le 10mila firme raccolte per chiedere il blocco dell'iter procedurale per ...

In Bergamasca circolano 57 auto ogni 100 abitanti

Il traffico a Bergamo BERGAMO -- A Bergamo ci sono 57 aut0 ogni 100 abitanti. Lo rivela l'ultimo studio ...