iscrizionenewslettergif
Poesie

“Gloria del disteso mezzogiorno” di Eugenio Montale

Di Redazione13 giugno 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Gloria del disteso mezzogiorno
quand’ombra non rendono gli alberi,
e più e più si mostrano d’attorno
per troppa luce, le parvenze, falbe.
Il sole, in alto, – e un secco greto.
Il mio giorno non è dunque passato:
l’ora più bella è di là dal muretto
che rinchiude in un occaso scialbato.
L’arsura, in giro; un martin pescatore
volteggia s’una reliquia di vita.
La buona pioggia è di là dallo squallore,
ma in attendere è gioia più compita.

“Miramare” di Arnaldo Ederle

seagulls-at-sea-anne-weirich Non l’abbandono in quelle stanze. Oh, Miramare! Quanta lontananza, acqua di mare fra il tuo principe e te. Perché ...

“Bambino” di Alda Merini

bambinoBambino, se trovi l'aquilone della tua fantasia legalo con l'intelligenza del cuore. Vedrai sorgere giardini incantati e tua ...