iscrizionenewslettergif
banner-per-bergamoseragif
Poesie

“M***, giugno” di Alberto Bertoni

Di Redazione5 giugno 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

In fondo a che velato
deserto dei tuoi occhi
qui dalla mia spalla
soffri la bella palladi lanugine gialla
(e di fango)
che atterra a fine campo
nel rosso meno opaco.
La goccia trema piano
senza coraggio né slancio
come il profilo che l’osserva
non ha luce abbastanza
si sfalda nel paesaggio
d’acacie, pioggia e rose.
Ma il bianco più vivo
e studiato del bagno di oggi? Disperi
lasciando in disparte la brocca
sul trespolo alto
la piega amorevole del corpo.

“L’aquilone” di Giovanni Pascoli

C'è qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi d'antico: io vivo altrove, e sento che sono intorno ...

“Se non ci sei, mi sembra un sepolcreto” di Giovanni Camerana

Se non ci sei, mi sembra un sepolcreto Questo villaggio; Svanita è la malia del paesaggio, Del verde ...