iscrizionenewslettergif
Bassa

Siliprandi: ecco perchè l’autostrada Bergamo-Treviglio è inutile

Di Redazione1 giugno 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Patrizia Siliprandi

Patrizia Siliprandi

TREVIGLIO — “Il progetto di questa autostrada è uscito dal cassetto della Provincia nel giugno dello scorso anno, un mese dopo l’elezione di Pezzoni il quale non ne aveva né fatto accenno ai trevigliesi né, tantomeno, incluso nel suo programma elettorale. Ai cittadini non è stata data alcuna informazione dall’amministrazione di Treviglio”. A parlare è Patrizia Siliprandi, leader del movimento Uniti per cambiare che, insieme al Comitato Cambiamola, a Legambiente e ad altri movimenti dalle società civile, sta raccogliendo firme contro la prevista autostrada Bergamo-Treviglio.

“Facendo seguito alle osservazioni dell’architetto Fabio Villa che ci ha dato un prezioso aiuto anche a livello tecnico, non possiamo che dirci contrari a questa autostrada, così per come è stata concepita” continua Siliprandi.

“Trattandosi di un opera che va ad inserirsi in un territorio già densamente costruito, tanto da essere prevista quasi completamente in trincea per una questione di evidente impatto ambientale, presenta in partenza alti costi d’intervento rispetto ad un normale asse stradale in rilevato”.

“Innanzitutto credo sia profondamente sbagliato chiamarla Bergamo – Treviglio, in quanto da Treviglio si arriva ad Osio Sotto e poi si deve cambiare autostrada (imboccare la A4) per raggiungere Bergamo, con un allungamento del tragitto che invece l’attuale storica S.S. n.42 del Tonale e della Mendola realizza secondo un asse rettilineo diritto, parallelamente alla ferrovia : infatti il vero nome di questa strada è Interconnessione Pedemontana BreBeMi (IPB), nasce quindi con l’intento di collegare 2 autostrade in fase di avviata realizzazione”.

“Fermo restando che Treviglio necessita comunque della tangenziale ovest (in modo tale da evitare il transito di tutto il traffico in uscita da BreBeMi dal centro urbano), del quale l’autostrada in oggetto è parte integrale,i dubbi che permangono sull’utilità di tale infrastruttura sono i seguenti”.

“Se l’obiettivo è quello di bypassare il nodo milanese nei flussi trasportici est / ovest del nord Italia, per questo ruolo potrebbe bastare la nuova TEEM (Tangenziale Esterna Est Milano), in fase di realizzazione”, spiega la Siliprandi.

“Se l’obiettivo è quello di collegare più velocemente Bergamo con Treviglio, basterebbe realizzare la tangenziale ovest di Treviglio e la circonvallazione già prevista a Verdello, unico comune tra le 2 città a subire il traffico di passaggio obbligatoriamente per il proprio centro urbano (l’attraversamento di Verdello comporta il 50% del tempo necessario per andare da Treviglio a Bergamo e viceversa)”.

“Si tenga presente che, arrivati a Bergamo, ci si impiega molto tempo nel raggiungere il centro città, quindi il risparmio di tempo sarà esiguo, oltre al pagamento del pedaggio che aumenterebbe i costi del viaggio. Nel Nord Italia, storicamente, i traffici commerciali si sono sviluppati prevalentemente secondo l’asse est/ovest mentre per il nord/sud i volumi sono assai inferiori: tra le nuove infrastrutture previste, mentre tutte le altre sono in fase di cantierizzazione, la IPB è l’unica nuova infrastruttura che si trova ancora nella fase di progettazione ed è l’unica in direzione nord sud”, precisa Siliprandi.

“Infine, per rendere il traffico sostenibile, occorre investire nel trasporto merci su ferro, liberando così le nostre strade dal cosiddetto traffico pesante che rallenta la velocità, inquina, è fonte di pericolo per incidenti, quindi le strade diverrebbero più idonee al solo traffico automobilistico” conclude la leader del movimento Uniti per cambiare.

Cacciari a Treviglio: la Chiesa è peccatrice (video)

Massimo Cacciari sul palco di Treviglio TREVIGLIO -- "La Chiesa ha un carattere religioso che è il tratto che l'ha tenuta ...

Carambola fra auto: coinvolto un suv con due bambini

Un'ambulanza TREVIGLIO -- Uno stop non rispettato. E' stata quest'imprudenza a provocare l'incidente stradale avvenuto ieri ...