iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Italia

Ore 12.56, nuova forte scossa: trema ancora il Nord Italia

Di Redazione29 maggio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Una drammatica immagine del Duomo di Mirandola

Una drammatica immagine del Duomo di Mirandola (foto Daniela Smerieri)

BERGAMO — Una nuova forte scossa di terremoto, con epicentro in Emilia Romagna ma percepita distintamente anche a Bergamo, è stata rilevata alle 12.56 di quest’oggi.

La nuova scossa, forse peggiore delle precedenti, è stata avvertita in tutto il Nord Italia. E’ stata molto intensa ed è durata una trentina di secondi. Secondo i primi rilievi si tratterebbe di un movimento tellurico di magnitudo 5.3 della scala Richter. C’é timore per le nuove conseguenze. La nuova scossa è stata sentita anche in ampie zone del Veneto, Lombardia e Toscana.

Per tutta la mattinata la terra ha continuato a tremare in Emilia. Nell’arco di 80 minuti sono avvenute nel modenese quattro forti scosse di magnitudo superiore a 4, rende noto l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Ingv.

La prima scossa (magnitudo 5.8 della scala Richter) questa mattina alle 9. Poi altre alle 9:07, 9:09, 10:25 e una replica molto intensa di magnitudo 4,7 alle 10:27. Nello stesso arco di tempo sono state registrate anche numerose scosse di magnitudo compresa fra 3 e 4 e molte altre di magnitudo inferiore a 3.

Intanto si fanno le stime dei danni. Nove le persone morte accertate nel Modenese: tre a San Felice, nel crollo della azienda Meta, 2 a Mirandola, 1 a Concordia, 1 a Finale. Morto anche il parroco di Rovereto di Novi, anche se non è chiaro se sia rimasto vittima di un crollo o di un malore.

Terremoti: nuova scossa nella notte in Calabria

Un sismografo COSENZA -- Continua a tremare la terra nell'Italia meridionale. Una scossa di terremoto di magnitudo ...

Terremoto: sale a 16 morti il bilancio delle vittime

Una fabbrica crollata nel Modenese MODENA -- Sono salite a 16 le vittime della violentissima scossa di terremoto che questa ...