iscrizionenewslettergif
Bergamo

Bergamo, il giuramento della Guardia di finanza

Di Redazione27 maggio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il giuramento della della Guardia di finanza

Il giuramento della della Guardia di finanza

BERGAMO — Un giuramento da brividi, in un’epoca in cui servono punti fermi e certezze. Ieri mattina, nella splendida cornice di Piazza Vittorio Veneto a Bergamo, gli allievi ufficiali dell’Accademia della Guardia di Finanza hanno giurato fedeltà alla Repubblica Italiana.

I frequentatori del 111esimo corso “Ponte di Perati III” e del decimo corso aeronavale “Fenice” sono così entrati a tutti gli effetti a far parte delle Fiamme Gialle. Presenti il presidente del Consiglio dei ministri e ministro dell’Economia e delle Finanze Mario Monti, il comandante generale della Guardia di Finanza generale Nino Di Paolo, nonché numerosissime altre personalità civili, militari e religiose.

Moltissime le persone presenti all’evento, che rappresenta da sempre il momento più significativo del percorso formativo e di studi che gli allievi seguono prima di diventare Ufficiali. Suggestivo lo schieramento militare dei reparti. In testa la Bandiera dell’Accademia con la Banda della Guardia di Finanza. I Medaglieri del Nastro Azzurro e delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, il Medagliere Nazionale dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia e i Gonfaloni della Regione Lombardia, della Provincia e della Città di Bergamo. La celebrazione militare ha avuto il suo momento culminante con le emozioni regalate dal “lo giuro”, gridato dai cadetti del 1° anno dell’Accademia.

Il comandante generale nel corso del suo intervento ha ricordato ai cadetti dell’Accademia che diventare allievi ufficiali significa essere chiamati a più forti responsabilità per affermare e difendere ogni giorno i valori della cultura della legalità e del rispetto delle regole.
Ecco il senso profondo della missione istituzionale del Corpo che mira a contrastare tutti gli illeciti economico-finanziari, assumendo un fondamentale ruolo sociale al servizio dei cittadini.
La maggiore importanza che l’opinione pubblica attribuisce al valore della sicurezza economica-finanziaria, ci sosterrà nel fare la nostra parte con ancora più convinzione e determinazione.

Monti, rivolgendosi ai cadetti del primo anno dell’Accademia ha affermato: “Con questo giuramento diventate a tutti gli effetti Allievi Ufficiali della Guardia di Finanza per iniziare una carriera al servizio della collettività, che vi chiederà coraggio, perseveranza e dedizione. Ma potrete essere orgogliosi di contribuire in prima persona alla protezione dell’interesse pubblico e delle risorse dello Stato, in modo che possano essere soddisfatti con efficacia ed equità i bisogni dei cittadini, contrastando l’evasione fiscale, la criminalità organizzata ed ogni illecito di natura finanziaria. Studiate con impegno: il futuro dell’Italia, e il senso di comunanza e di appartenenza degli italiani, dipenderà anche dalla vostra azione e dalla vostra professionalità”.

Alla cerimonia era presente una nutrita rappresentanza di ufficiali del corso “Ponte di Perati II “, che hanno frequentato l’Accademia 25 anni fa. Gli allievi che hanno giurato sono 67, di cui 18 donne. Al termine del ciclo addestrativo e didattico della durata di cinque anni – tre a Bergamo e due a Roma – i cadetti saranno nominati tenenti e conseguiranno la laurea in “Scienze della sicurezza economico-finanziaria”.

Monti: evasione fiscale ostacola concorrenza leale fra le imprese

Mario Monti a Bergamo BERGAMO -- Il presidente del consiglio Mario Monti ha partecipato questa mattina al giuramento dei ...

Lunedì prossimo l’assemblea annuale Ascom

Paolo Malvestiti BERGAMO -- Lo stato di salute dell'economia bergamasca, la situazione dei consumi e degli esercizi ...