iscrizionenewslettergif
Poesie

“Stringiti a me” di Gabriele D’Annunzio

Di Redazione25 maggio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Stringiti a me,
abbandonati a me,
sicura.
Io non ti mancherò
e tu non mi mancherai.
Troveremo,
troveremo la verità segreta
su cui il nostro amore
potrà riposare per sempre,
immutabile.
Non ti chiudere a me,
non soffrire sola,
non nascondermi il tuo tormento!
Parlami,
quando il cuore
ti si gonfia di pena.
Lasciami sperare
che io potrei consolarti.
Nulla sia taciuto fra noi
e nulla sia celato.
Oso ricordarti un patto
che tu medesima hai posto.
Parlami
e ti risponderò
sempre senza mentire.
Lascia che io ti aiuti,
poiché da te
mi viene tanto bene!

“Mare” di Giovanni Pascoli

reflexionM'affaccio alla finestra, e vedo il mare: vanno le stelle, tremolano l'onde. Vedo stelle passare, onde passare: un ...

“Afferra questo mercurio” di Edoardo Sanguineti

images-111Afferra questo mercurio, questa fredda gengiva, questo miele, questa sfera di vetro arido; misura attentamente la ...