iscrizionenewslettergif
Provincia

Conad Centro Nord punta al miliardo di euro di fatturato

Di Redazione22 maggio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Un supermercato Conad

Un supermercato Conad

BERGAMO — “La crisi economica non è superata, ma archiviamo un 2011 importante per la nostra cooperativa: abbiamo perfezionato un’operazione strategica importante qual è l’acquisizione di 31 punti di vendita ex Pellicano del gruppo Lombardini, investito nella tutela del potere d’acquisto dei clienti e prodotto innovazione. L’obiettivo primario è crescere soprattutto in Lombardia, per portare le insegne Conad a diventare leader nei supermercati nel giro di pochi anni”, ha detto il direttore generale di Conad Centro Nord Ivano Ferrarini commentando i dati di bilancio 2011.

Le vendite al dettaglio per 937 milioni di euro, in crescita del 6,95 per cento rispetto al 2010, e l’utile netto di esercizio attestato a 11,6 milioni di euro (+39 per cento) dimostrano quanto sia stata efficace la politica della cooperativa in un contesto economico in trasformazione e con i consumi decisamente in crisi. In crescita anche il patrimonio netto, che passa da 129,4 milioni del 2010 a 140,9 milioni di euro, con un incremento dell’8,9 per cento.

Nell’anno più critico per l’economia e l’occupazione, la cooperativa si conferma in costante evoluzione, capace di sviluppare progetti, promuovere innovazione e dare risposte alle esigenze di acquisto e di convenienza dei clienti. I punti di vendita sono 202 per una superficie di vendita di oltre 134 mila mq (+5,1 rispetto al 2010). In essi lavorano 2.828 dipendenti, oltre ai 246 nella sede della cooperativa e ai 253 nell’indotto. Nel complesso, il 72 per cento sono donne. Con i 6 nuovi punti di vendita (7.100 mq di superficie di vendita), l’ occupazione è cresciuta di 148 unità. Nel corso del 2011, Conad Centro Nord ha promosso 57 iniziative a sostegno del potere d’acquisto dei clienti e al contenimento dell’inflazione con l’offerta di una serie di panieri di prodotti a marchio Conad a prezzi scontati che hanno consentito ai clienti di risparmiare il 25 per cento.

Cresce, in tal modo, anche l’incidenza della marca commerciale sulle vendite complessive, attestata al 17,7 per cento. Il distributore di carburanti di Bibbiano (Reggio Emilia) ha prodotto un risparmio di 1,5 milioni di euro per gli automobilisti e le due parafarmacie di Casalpusterlengo (Lodi) e Guastalla (Reggio Emilia) hanno assicurato uno sconto del 20 per cento sul prezzo delle confezioni. La solidità della cooperativa, la convenienza e l’efficienza dei punti di vendita, il piano degli investimenti dedicati allo sviluppo fanno di Conad Centro Nord un’impresa che produce importanti ricadute anche sull’economia territoriale: sono 250 i fornitori locali dai quali la cooperativa ha acquistato oltre 8 mila prodotti per un fatturato di 66 milioni di euro.

Dietro ai numeri c’è l’immagine e il modello di una cooperativa che conserva un sistema di valori ben radicati e distintivi nel panorama della grande distribuzione. Un modello imprenditoriale che promuove lo sviluppo di un’imprenditoria diffusa nelle province emiliane di Reggio Emilia, Parma, Piacenza e in Lombardia, fatta di 454 soci che hanno scelto liberamente di associarsi a Conad Centro Nord. Per il 2012 sono in programma 3 aperture – a Cernusco sul Naviglio (Milano), Cologno al Serio (Bergamo) e Capriolo (Brescia) – per una superficie di vendita di 4.000 mq.

Dallo scorso mese di marzo, Conad Centro Nord è subentrata nella gestione dei 31 supermercati ex Pellicano presenti in 29 comuni lombardi, dai quali Conad Centro Nord attende vendite per 130 milioni di euro annui. Entro la fine dell’anno i punti di vendita saranno adattati alla nuova immagine Conad e sarà ampliato l’assortimento dei prodotti a marca commerciale con un investimento complessivo di circa 5 milioni di euro per il rilancio. Nei programmi per l’anno in corso c’è l’apertura di un nuovo distributore di carburanti in provincia di Parma e di due parafarmacie nei punti di vendita di Chiari (Bs) e di Gonzaga (Mn).

“Affrontiamo la fase di congiuntura mettendo in campo efficienza e qualità degli interventi”, annota Ferrarini. “Rientra in tale ottica anche il lavoro fatto sui punti di vendita perché siano sempre più rispondenti alle necessità dei clienti. Abbiamo in programma un piano di investimenti pluriennale di oltre 250 milioni di euro volti allo sviluppo di nuova rete e per la ristrutturazione e ricanalizzazione dei punti vendita già esistenti. Tale investimento assicurerà ai nostri soci nuove opportunità di sviluppo e contribuirà alla valorizzazione dei territori in cui operiamo e di tanti piccoli e medi produttori locali”.

Nel 2011, Conad Centro Nord e i soci hanno sostenuto 105 iniziative culturali, sportive e di solidarietà per un importo complessivo di 1,6 milioni di euro. “Nel corso del 2011 abbiamo portato a termine l’elaborazione del piano strategico in tema di Responsabilità sociale d’impresa (Csr) per il triennio 2012-2014; è un tema che ci sta molto a cuore e che rappresenta un elemento di continuità nella storia della cooperativa. L’impegno di responsabilità sociale che Conad Centro Nord si assume ha origine nei principi e nei valori del nostro Codice Etico”, dichiara il presidente di Conad Centro Nord Marzio Ferrari. “Tra l’altro, a fine 2011 ha preso avvio l’Academy Imprendiconad, volta a formare nuove figure imprenditoriali all’interno del nostro sistema”.

Inizio settimana con la pioggia: mercoledì torna bello

Lunedì di pioggia, poi migliora BERGAMO -- Per rivedere un po' di sole, in maniera stabile, dovremo aspettare fino a ...

E’ morto il non vedente precipitato in un burrone

L'elicottero di soccorso BERGAMO -- E' morto agli Ospedali Riuniti di Bergamo Antonio Galioto, il cieco di 66 ...