iscrizionenewslettergif
Bergamo

Mostra del Ceresa: visite in musica alla Gamec

Di Redazione21 maggio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Una delle opere di Carlo Ceresa esposte alla mostra

Una delle opere di Carlo Ceresa esposte alla mostra

BERGAMO — Un’iniziativa decisamente insolita. Da lunedì, le visite alla mostra di Carlo Ceresa in corso all’Accademia Carrara/Gamec di Bergamo saranno accompagnate da un gruppo di cantanti.

Visitando le sale che accolgono fino al 24 giugno l’antologica del Ceresa ospiteranno l’iniziativa “Passeggiando tra i quadri addormentati…”, che prevede una visita guidata tra le opere del pittore bergamasco a suon di musica, con la voce di un quintetto vocale e il suono della fisarmonica.

Oggi, dopo la presentazione dell’iniziativa, alle 20.30 e alle 21,45, verranno effettuate due visite guidate cantate gratuite con prenotazione obbligatoria. Sono previste repliche il 25, 26, e 27 maggio e il 3, 10, 17, 24 giugno, alle ore 20.30

L’idea è dello scrittore bergamasco Alessandro Bottelli, ideatore di numerosi testi per musica, in collaborazione con il compositore e direttore d’orchestra Giordano Bruno Ferri, con il quale ha gia’ collaborato nel 2010, per due lavori poetico-musicali ispirati alla pala di San Bernardino di Lorenzo Lotto e a dipinti di Caravaggio.

Il quintetto dell’Ensemble e i due fisarmonicisti Augusto Comminesi e Giancarlo Calabria saranno diretti proprio da Giordano Bruno Ferri, che illustreranno al pubblico le caratteristiche di ogni opera, per avvicinarli in maniera non convenzionale alla mostra. L’iniziativa è inserita nel festival teatrale “deSidera Teatro & Territorio”, promosso dalla Fondazione Bernareggi e giunto al decimo anno di attivita’.

Invasione di cinesi a Bergamo: ma è solo una gita aziendale

I cinesi a Bergamo BERGAMO -- Il contingente di turisti cinesi maggiore che sia mai sbarcato in Italia. E' ...

Un bergamasco: vi racconto la notte di terrore a Bologna

Le conseguenze del terremoto in Emilia BERGAMO -- "Erano le quattro del mattino, stavo dormendo quando il terremoto mi ha svegliato ...