iscrizionenewslettergif
Poesie

“Davanti San Guido” di Giosué Carducci

Di Redazione17 maggio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

I cipressi che a Bólgheri alti e schietti
Van da San Guido in duplice filar,
Quasi in corsa giganti giovinetti
Mi balzarono incontro e mi guardâr.
Mi riconobbero, e – Ben torni omai –
Bisbigliaron vèr me co ‘l capo chino –
Perché non scendi? perché non ristai?
Fresca è la sera e a te noto il cammino.
Oh sièditi a le nostre ombre odorate
Ove soffia dal mare il maestrale:
Ira non ti serbiam de le sassate
Tue d’una volta: oh, non facean già male!
Nidi portiamo ancor di rusignoli:
Deh perché fuggi rapido così
Le passere la sera intreccian voli
A noi d’intorno ancora. Oh resta qui!

“L’attesa” di Albert Lozeau

753404-bigthumbnail Il cuore ha spalancato adesso i suoi battenti. Ti attende, o mia Adorata: ma verrai? Verrai oggi ...

“Sera di Liguria” di Vincenzo Cardarelli

italy-liguria-leonid-afremov Lenta e rosata sale su dal mare la sera di Liguria, perdizione di cuori amanti e di ...