iscrizionenewslettergif
Economia

Borse in picchiata, Moody’s declassa 26 banche italiane

Di Redazione15 maggio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Giornata difficile per le Borse europee

Giornata difficile per le Borse europee

MILANO — Mentre le vicende della Grecia e la sconfitta della Merkel spaventano i mercati, che ieri hanno visto bruciare in un sol colpo 120 miliardi di euro, ecco che l’agenzia di rating statunitense Moody’s provvede a un nuovo declassamento delle banche italiane.

L’agenzia ha tagliato i rating di 26 istituti di credito. “I rating delle banche italiane sono fra i più bassi fra le economie avanzate europee e questo riflette la vulnerabilità degli istituti in un contesto difficile in Italia e in Europa”, afferma Moody’s, sottolineando le difficoltà legate alla “recessione e all’austerity che in Italia stanno riducendo la domanda nel breve termine”.

Moody’s ha tagliato il rating di 10 banche italiane di un gradino, di due gradini per otto banche, di tre gradini per altre sei banche e di quattro gradini per altri due istituti. “La portata dei downgrade è stata limitata da alcuni fattori”, fra i quali la liquidità offerta dalla Bce, che ha “ridotto significativamente il rischio default nel breve termine. Inoltre molte banche hanno rafforzato i loro livelli di capitale”.

“Le banche italiane – spiega Moody’s – sono particolarmente vulnerabili alle condizioni operative avverse, che causeranno probabilmente un ulteriore deterioramento della qualità degli asset, pressione sugli utili e limitato accesso al mercato. Questi rischi sono esacerbati dai timori degli investitori sulla sostenibilità del debito italiano che ha contribuito alle difficili condizioni di finanziamento delle banche”.

La scure di Moody’s si è abbattuta su tutte le principali banche italiane. Il rating di Monte dei Paschi è stato tagliato di due gradini, da Baa1 a Baa3. Quello di Unicredit e di Intesa SanPaolo di un gradino (da A2 ad A3). Il giudizio su Ubi Banca è passato da A3 a Baa2, quello su Banco Popolare da Baa2 a Baa3.

Produzione industriale: + 0,5 a marzo. Ma Confindustria vede nero

Confindustria vede nero sulla ripresa BERGAMO -- Un dato a sorpresa. L'indice della produzione industriale di marzo in Italia segna ...

Il Fondo monetario: l’uscita della Grecia dell’euro è un’opzione

Chistine Lagarde, direttore generale del Fondo monetario internazionale (Fmi) NEW YORK, Usa -- "L'uscita della Grecia dall'euro è un'opzione che stiamo considerando". Lo ha ...