iscrizionenewslettergif
Politica

Inchiesta Penati: 6 nuovi indagati, anche il bergamasco Corali

Di Redazione10 maggio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Filippo Penati

Filippo Penati

BERGAMO — Finanziamento illecito ai partiti. I magistrati di Monza hanno iscritto nel registro degli indagati sei persone, nell’ambito delle indagini sul “sistema Sesto” che vedono coinvolto anche l’ex presidente della provincia di Milano, l’ex Pd Filippo Penati.

Lo hanno riferito oggi fonti giudiziarie all’agenzia di stampa Reuters, confermando quanto anticipato da Repubblica e precisando che gli indagati sono: l’ex presidente della Bpm Massimo Ponzellini, il presidente della Banca di Legnano (del gruppo Bpm) Enrico Corali, gli imprenditori Enrico Intini, Roberto De Santis, Piero Rossi e Carlo Sergio Parma.

I sei sono indagati per finanziamento illecito ai partiti attraverso la fondazione “FareMetropoli”, creata da Penati per raccogliere fondi. La fondazione è presieduta da Rossi, Parma è consulente.

Ponzellini avrebbe versato una quota associativa di cinquemila euro. Mentre Corali, poi nominato da Penati nel cda di Expo 2015, avrebbe finanziato la fondazione nel 2009 con 10mila euro. Intini e De Santis, invece, sono soci in MilanoPace, un’immobiliare che avrebbe versato 20mila euro a Fare Metropoli. Intini avrebbe pagato altri 10mila euto attraverso un’altra società, Servizi globali.

Enrico Corali, bergamasco di Trescore, in procinto di entrare come uomo di riferimento del Comune di Milano nella multiutility A2A, interpellato da Affaritaliani, ha detto di essere “una persona distrutta” e non ha rilasciato commenti ulteriori.

Secondo l’accusa, “Fare Metropoli” avrebbe raccolto finanziamenti per 368mila euro, a fronte dei quali non risulta alcuna attività riferibile alla fondazione. L’ipotesi al vaglio dei pubblici ministeri di Monza Franca Macchia e Walter Mapelli è che possa trattarsi di tangenti a favore di Penati.

Dal canto suo Penati si difende: “Già durante il mio interrogatorio dell’8 ottobre scorso ho fornito ai pubblici ministeri tutti gli elementi utili a chiarire l’attività dell’associazione Fare Metropoli, il cui contributo a sostegno delle iniziative politiche della campagna elettorale delle provinciali 2009 è avvenuto regolarmente”.

De profundis sulla scuola di magistratura. Fontana: decisione scellerata

Gregorio Fontana BERGAMO -- "Una decisione scellerata". Non usa mezzi termini il deputato del Pdl Gregorio Fontana ...

Renzo Bossi: non ho mai detto di essere laureato

Renzo Bossi MILANO -- "Mi dissocio completamente da quel diploma universitario". Lo ha detto Renzo Bossi all'agenzia ...