iscrizionenewslettergif
Provincia

Crisi: aumentano gli acquisti di gruppo

Di Redazione8 maggio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Un gruppo d'acquisto solidale

Un gruppo d'acquisto solidale

BERGAMO — La crisi fa volare metodi di spesa alternativi, improntati al risparmio e al corretto rapporto qualità prezzo. Negli ultimi tempi un aumento sensibile si è registrato per i Gas, i gruppi di acquisto solidale che per fare la spesa si rivolgono direttamente al produttore.

Secondo una stima della Coldiretti sono diventati oltre 800 i Gas strutturati presenti lungo tutto il territorio nazionale, una maggiore concentrazione si segnala però in Lombardia, Toscana, Piemonte, Veneto ed Emilia-Romagna. Questa tendenza si registra anche nella provincia di Bergamo e coinvolge un numero crescente di agricoltori.

“Gran parte della nostra produzione di verdura – spiega Livio Cantalupo dell’azienda agricola Cantalupo di Urgnano – è destinata proprio ai Gas. Dialoghiamo con loro tramite il nostro sito internet, che teniamo sempre aggiornato riguardo i prodotti disponibili. Gli ordini li riceviamo on line e dopo aver preparato tutte le varie consegne portiamo settimanalmente la spesa direttamente a casa dei clienti. Attualmente lavoriamo con una quindicina di Gas della nostra provincia e cinque Gas di Milano; questo canale di vendita si è consolidato negli ultimi tempi e continuiamo a ricevere richieste di visite e di collaborazione”.

L’acquisto di gruppo è una tendenza che avvicina il produttore al consumatore e sta contagiando gli italiani che intendono così garantirsi un volume di acquisto sufficiente ad ottimizzare i costi di trasporto che negli ultimi tempi sono lievitati ma anche ad assicurarsi a prezzi accessibili l’origine e la genuinità dei prodotti che si portano in tavola.

“E’ già da diversi anni che la nostra azienda lavora con i gruppi d’acquisto solidali – afferma Gianluca Vismara dell’azienda agricola Vismara Gianfranco di Cenate Sotto -;forniamo il nostro miele e il nostro olio a famiglie riunite insieme che vogliono spuntare prezzi vantaggiosi grazie ad acquisti consistenti. Se prima il fenomeno era circoscritto a poche famiglie, in genere legate ad associazioni culturali o movimenti a sfondo ecologico, negli ultimi anni i numeri sono aumentati. I motivi sono legati ad una maggiore coscienza ambientale, una buona pubblicità fatta dai gruppi stessi, che hanno saputo farsi conoscere ed infine anche dalla crisi economica che ha spinto le famiglie ad unire le forze. Attualmente il fenomeno dei Gas è in piena espansione. Noi lavoriamo sia con gruppi di Bergamo che con gruppi della Lombardia. Sono clienti molto attenti: vogliono prodotti di buona qualità, spesso biologici, e molte volte prima di sceglierci come fornitori vengono a visitare l’azienda. Ormai rappresentano una realtà importante nel panorama agricolo italiano e speriamo che la loro filosofia prenda piede sia tra le famiglie che tra i coltivatori diretti”.

Negli ultimi 3 anni sono notevolmente aumentati anche gli acquisti di gruppi tra condomini, colleghi, parenti o gruppi di amici che decidono di fare la spesa insieme, in modo non strutturato, per ottenere condizioni vantaggiose oltre che per garantirsi acquisti di qualità. Si sono organizzati così i dipendenti della sede della Coldiretti bergamasca, che comprano in gruppo soprattutto formaggi e altri prodotti caseari.

“Ogni settimana – spiega Tatiana Nicoli che si occupa della gestione degli ordini – esponiamo un modulo con le varie tipologie di prodotto e i relativi prezzi. I colleghi interessati scrivono su questo modulo la quantità di prodotto che desiderano, quindi ogni giovedì invio l’orine per fax al caseificio Monti e Laghi di Vigolo e la spesa ci viene poi consegnata ogni venerdì mattina. Per noi sarebbe veramente difficile andare a fare la spesa direttamente allo spaccio del caseificio e per motivi di lavoro non possiamo andare nei vari mercati dei produttori. In questo modo abbiamo la possibilità di comprare senza tanta fatica dei prodotti veramente ottimi. A volte acquistiamo in gruppo anche la verdura, la frutta, la carne e il riso. Noi siamo agevolati perché conosciamo direttamente i produttori poiché sono nostri associati ma tutti possono fare la spesa così, basta un minimo di organizzazione”.

Le difficoltà economiche fanno emergere anche la creatività di produttori e consumatori. E’ sempre più frequente infatti “l’adozione” in gruppo di interi animali o piante da frutto così come è in crescita il fenomeno del “pick your own”, la raccolta diretta in azienda di frutta e verdura da parte del consumatore.

Rally della Prealpi Orobiche: ecco le prove speciali

Le prove speciali del Rally delle Prealpi Orobiche SELVINO -- In occasione del 29esimo "Rally Prealpi Orobiche" che si svolgerà il prossimo 1-2 ...

Acqua: costo aumentato del 16 per cento in cinque anni

Il costo dell'acqua è aumentato del 15,9 per cento in Bergamasca BERGAMO -- Negli ultimi 5 anni, il costo dell'acqua in provincia di Bergamo è aumentato ...