iscrizionenewslettergif
Economia

Banche: ecco il conto corrente agevolato

Di Redazione4 maggio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Banche: ecco il conto corrente agevolato
Nuovo conto corrente agevolato per i pensionati

ROMA — Abi, Tesoro, Bankitalia, Poste e associazioni dei prestatori dei servizi di pagamento hanno presentato lo scorso 24 aprile la convenzione che definisce le caratteristiche del conto corrente di base, previsto dal decreto “Salva Italia”. Ecco le caratteristiche del nuovo conto, che intende favorire le fasce più deboli della popolazione.

Il nuovo conto, che prevede solo dei costi minimi, si rivolge ai cittadini che abbiano un Isee (Indicatore situazione economica equivalente) inferiore a 7500 euro annui oppure una pensione fino a 1500 euro mensili.

Il conto corrente di base può essere, inoltre, cointestato tra i componenti del nucleo familiare che sono inclusi nel calcolo dell’Isee e ha la condizione importante di non prevedere scoperti né ordini di pagamento con saldo negativo.

Per ottenere questo conto agevolato, oltre alla dimostrazione del reddito già accennato, occorre presentare sia al momento della richiesta e poi con cadenza annuale un’autocertificazione che abbia lo scopo di dichiarare di non essere titolare di altri conti correnti di base: in caso contrario saranno addebitati spese e bolli, come accade normalmente.

La convenzione stipulata prevede l’esistenza di due tipi di conto: uno riservato alle persone con ISEE inferiore a 7500 euro annui e l’altro ai pensionati che percepiscono un guadagno fino a 1500 euro al mese.

Nel primo caso non ci sono spese e imposte di bollo a carico del titolare per tutte quelle comunicazioni periodiche relative agli estratti conto. Inoltre è previsto un plafond di operazioni, che ricordiamo: prelievi bancomat illimitati presso la banca dove si è aperto il conto, operazioni illimitate con bancomat, 6 prelievi allo sportello, 12 prelievi bancomat gratuiti presso altri istituti, 12 pagamenti ricorrenti tramite bonifico con addebito in conto.

Per quanto riguarda invece i pensionati che percepiscono fino a 1500 euro al mese sono previsti 12 prelievi gratuiti di contante allo sportello, prelievi illimitati presso gli sportelli automatici dell’istituto dove il conto è stato aperto e operazioni illimitate di pagamento attraverso carta di debito. Inoltre ai titolari è stata garantita la gratuità delle spese di apertura e di gestione del conto.

Quindi, in conclusione, possiamo dedurre che siano due i principali obiettivi della convezione: da un lato agevolare l’apertura del conto corrente anche da parte di chi attualmente non lo possiede, e in tal senso si pensi alla stima fatta di circa 850.000 pensionati. E dall’altro di ulteriore incentivo alla lotta all’evasione fiscale, a maggior ragione in seguito all’eliminazione del contante per le transazioni sopra i mille euro prevista dalla manovra Monti.

Carlo Scotti-Foglieni

Bergamo, disoccupazione al 4,1 per cento

Disoccupazione al 4,1 per cento a Bergamo BERGAMO -- Il tasso di disoccupazione a Bergamo e provincia si è attestato al 4,1 ...

Europa, per uscire dalla crisi servono due monete

La proposta: due euro diversi in EuropaTutta questa confusione di materia economico finanziaria, tra un premier che parla come un robot, ...