iscrizionenewslettergif
Provincia

Truffa Enpam, i medici bergamaschi: fiducia nella magistratura

Di Redazione20 aprile 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La sede nazionale dell'Enpam

La sede nazionale dell'Enpam

BERGAMO — Niente allarmismi e piena fiducia nella magistratura. E’ questa la posizione assunta dal Consiglio dell’Ordine dei medici di Bergamo che ieri sera si è riunito per analizzare la spinosa vicenda che riguarda il mezzo miliardo di euro perso dalle casse dell’Enpam, l’ente previdenziale dei medici e degli odontoiatri.

L’inchiesta giudiziaria in corso sta destando più di una preoccupazione nella categoria. Il presidente nazionale dell’Enpam, Eolo Parodi, è indagato per truffa aggravata, assieme ad altre tre persone, dalla Procura di Roma per gli investimenti dell’ente. Gli inquirenti ipotizzano perdite per circa 500 milioni di euro. L’inchiesta è partita a giugno scorso dopo un esposto presentato da componenti del consiglio di amministrazione dell’ente e dei presidenti dell’Ordine dei Medici di Catania, Ferrara, Bologna e Latina.

E così il presidente dell’Ordine Emilio Pozzi ha convocato un consiglio straordinario per approfondire la questione. “Dopo aver apprezzato la decisione odierna del presidente della Fondazione Enpam di autosospendersi e rimettere tutte le deleghe nelle mani del vicepresidente Alberto Oliveti – si legge in un comunicato – i vertici della sanità bergamasca sottolineano che, indipendentemente dall’inchiesta in corso, i conti dell’Ente sono solidi e rassicurano quindi la categoria sulla consistenza del patrimonio e sulla mancanza di rischi per le pensioni”.

“Il nuovo consiglio d’amministrazione dell’Enpam, del resto, ha già rinnovato l’apparato consulenziale e il sistema di governo degli investimenti, sentito anche a suo tempo il parere di Mario Monti” prosegue il documento.

“Il Consiglio dell’Ordine dei medici di Bergamo conferma piena fiducia nella Magistratura in attesa che possa al più presto fare luce sulla vicenda che vede la Fondazione come parte lesa. Auspica, infine, che i ministeri vigilanti esprimano in tempi rapidi il loro nulla osta alla riforma, recentemente approvata dall’Enpam, che garantisce una sostenibilità a oltre 50 anni del suo sistema previdenziale”.

LEGGI ANCHE
Truffa all’Enpm: medici bergamaschi preoccupati

Farmacie: l’obbligo del direttore è una discriminazione

Patrizia Siliprandi TREVIGLIO -- Crescono i malumori e le preoccupazioni fra i farmacisti per la recente norma ...

Ubriaco esce di strada e distrugge la Mercedes

Mercedes distrutta dalle fiamme SAN PAOLO D'ARGON -- Aveva alcol in corpo tre volte oltre il limite l'automobilista al ...