iscrizionenewslettergif
bergamosvil1png
Poesie

“Treno amore” di Rafael Alberti

Di Redazione4 aprile 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Un’altra patria, insonne, non la mia,
d’altro timbro e metallo, gode e illumina
il profilo in rapida penombra
bq. della tua fotografia.
Profilo incerto, annunzio illuminato
seguito da mia ombra che s’affanna
a ridurre la luce di finestra
bq. ad un quadretto nero.
Chiaroscuro vano, un vano duello
che vendicativo spezza lo spazio,
che interrompe un abbraccio fuggitivo
bq. del tuo e mio anelito.
In nessuna stazione, ombra sfuggita
di tua fissa prigione, in nessun punto
tu berrai la luce. T’incita accanto,
bq. ma quanto è lontana!

(Traduzione Passigli Editore)

“Misciöo” di Domenico Livoti

C’è un luogo dell’anima nella Val di Giüst dove le ombre escono alla sera e disegnano danze alla ...

“Stanze” di Giovanni Bruno

Hanno sventrato la casa che ti fu cara: con passo frettoloso ne percorri le stanze, in successione, l'una ...