iscrizionenewslettergif
Poesie

“Treno amore” di Rafael Alberti

Di Redazione4 aprile 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Un’altra patria, insonne, non la mia,
d’altro timbro e metallo, gode e illumina
il profilo in rapida penombra
bq. della tua fotografia.
Profilo incerto, annunzio illuminato
seguito da mia ombra che s’affanna
a ridurre la luce di finestra
bq. ad un quadretto nero.
Chiaroscuro vano, un vano duello
che vendicativo spezza lo spazio,
che interrompe un abbraccio fuggitivo
bq. del tuo e mio anelito.
In nessuna stazione, ombra sfuggita
di tua fissa prigione, in nessun punto
tu berrai la luce. T’incita accanto,
bq. ma quanto è lontana!

(Traduzione Passigli Editore)

“Misciöo” di Domenico Livoti

moon_shadows400 C’è un luogo dell’anima nella Val di Giüst dove le ombre escono alla sera e disegnano danze alla ...

“Stanze” di Giovanni Bruno

Garden-Behind-a-House Hanno sventrato la casa che ti fu cara: con passo frettoloso ne percorri le stanze, in successione, l'una ...