iscrizionenewslettergif
Politica

Rinnovabili, tagli incentivi: Fontana incontra gli imprenditori bergamaschi

Di Redazione4 aprile 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gregorio Fontana

Gregorio Fontana

BERGAMO — Il parlamentare bergamasco del Pdl Gregorio Fontana ha incontrato ieri a Roma alcuni imprenditori bergamaschi del settore energia, preoccupati del rischio che il Governo possa decidere tagli indiscriminati sugli incentivi fino ad oggi concessi al settore delle energie rinnovabili.

“Le preoccupazioni degli imprenditori sono assolutamente condivisibili – ha detto Fontana –. Destano allarme le notizie di questi giorni riguardanti un drastico ridimensionamento degli incentivi per il settore delle energie rinnovabili. In Lombardia è insediato un elevatissimo numero di imprese impegnate nel settore delle energie rinnovabili e la nostra Provincia è sicuramente una delle sedi capofila per il sistema di imprese che operano in questo settore. In particolare in un momento di crisi come quella attuale è da sottolineare che, secondo un rapporto della Camera di Commercio di Milano, la Provincia di Bergamo ha oltre 143 sedi di imprese attive nel settore energia/rinnovabili, con un incremento nell’ultimo anno del 47 per cento. Per questo la decisone che dovrà prendere il governo, in merito alla graduazione degli incentivi sulle energie rinnovabili avrà un particolare impatto sull’economia della nostra Provincia che negli ultimi anni ha investito moltissimo in questo settore, dove si stanno raccogliendo i primi risultati estremamente positivi”.

“Se da un lato – conclude Fontana – vi è l’esigenza di un ridimensionamento degli incentivi previsti in passato, anche in considerazione di quello che avviene in Europa, vi è poi la necessità di frenare alcune speculazioni che negli ultimi anni ci sono state nell’utilizzo improprio degli incentivi. Quindi le misure che dovranno essere prese in questi giorni dal governo, in occasione della definizione del quinto Conto Energia, non dovranno essere punitive, ma orientate a premiare la produzione di eccellenza che è proprio il core business delle imprese della Provincia di Bergamo e della Lombardia”.

Belsito si dimette. Soldi pubblici per pagare la villa? Bossi: non sapevo

Belsito con Bossi MILANO -- Il tesoriere della Lega Francesco Belsito si è dimesso. L'esponente della Lega è ...

Pensioni, Jannone incontra il presidente dell’Inps

Giorgio Jannone ROMA -- La Commissione bicamerale di controllo sugli enti previdenziali, presieduta dal deputato bergamasco del ...