iscrizionenewslettergif
Bergamo

Inchiesta Locatelli: a Treviolo materiali contaminati ma “certificati”

Di Redazione28 marzo 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Cantiere della Locatelli

Cantiere della Locatelli

TREVIOLO — Come faceva ad essere certificato quel materiale, se conteneva tracce di cromo? Se lo stanno chiedendo i magistrati che indagano sullo smaltimento di rifiuti da parte della ditta Locatelli nel cantiere del polo scolastico di Treviolo in costruzione.

Le analisi effettuate su richiesta della Procura hanno rilevato un livello di cromo ben oltre i limiti di legge. Eppure secondo i certificati allegati a quella partita di materiale, era tutto regolare.

Da tempo giravano voci dubbie sulla qualità di quel materiale. Tanto che il Comune e la direzione lavori avevano dati il via a controlli indipendenti. Sono stati i rilievi dei carabinieri del Noe, inviati da Brescia, a svelare l’arcano. Quel materiale non era per regolare, anzi in alcuni casi contaminato da cromo.

E ora è possibile che l’inchiesta sul gruppo dell’imprenditore di Grumello si allarghi ulteriormente e spuntino nuovi capi d’imputazione.

Parcheggio sotto Bergamo Alta: costi lievitati a 15 milioni

Il cantiere del parcheggio sotto Bergamo Alta BERGAMO -- Nuova tegola sul discusso parcheggio sotto Città Alta, quello di via Fara. Dopo ...

Atb, variazione dei percorsi per la fiera Lilliput

L'Atb point di Porta Nuova BERGAMO -- L'azienda municipalizzata dei trasporti Atb rende noto che durante lo svolgimento della fiera ...