iscrizionenewslettergif
Italia

Donna morta a Barletta: non era sorbitolo ma nitrito di sodio

Di Redazione27 marzo 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'ambulanza all'ospedale di Barletta

L'ambulanza all'ospedale di Barletta

BARLETTA — Quelle pasticche non erano di sorbitolo ma di nitrito di sodio, una sostanza altamente tossica. Così sarebbe morta Teresa Sunna la ventottenne che ha bevuto una sostanza venduta su internet come sorbitolo, prima di sottoporsi al Breath test per verificare l’intolleranza al lattosio in un ambulatorio privato di Barletta.

La stessa sostanza era stata somministrata dal medico ad altre due pazienti: la 62enne Addolorata Piazzola e la 32enne Anna Abbrescia. Tutte e due sono fuori pericolo. La prima ha vomitato subito la sostanza molto salata. La seconda è stata sottoposta appena in tempo a un antidoto, in ospedale.

Per quanto riguarda la vittima, l’autopsia e l’esame tossicologico compiuti ieri sera a Bari hanno stabilito che la donna ha ingerito nitrito d sodio concentrato al 70 per cento, invece dell’innocuo sorbitolo (che è uno zucchero). La sostanza tossica uccide se ingerita con dosi superiori a 1,5 grammi: alle pazienti ne sarebbero stati somministrati circa cinque grammi a testa.

Ora il procuratore di Trani, Carlo Maria Capristo, e il sostituto Michele Ruggiero, hanno avviato accertamenti per rintracciare tutti gli acquirenti che hanno ordinato tramite eBay confezioni da cinque chilogrammi di falso sorbitolo.

Ebay blocca le vendite online del dolcificante pericoloso

Il sito di vendita online eBay BARLETTA -- Il sito di compravendite online eBay ha bloccato le vendite di sorbitolo, dolcificante ...

Tenta di depositare 2,5 milioni in Svizzera: Emilio Fede nei guai

Emilio Fede MILANO -- Il direttore del Tg4 Emilio Fede ha cercato di depositare 2,5 milioni di ...