iscrizionenewslettergif
Bergamo Editoriali

Fiaip: l’aeroporto valore aggiunto per il mercato immobiliare

Di Redazione19 marzo 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'aeroporto di Orio al Serio

L'aeroporto di Orio al Serio

Egregio direttore,
in questi giorni a Bergamo tiene banco la questione dell’aeroporto e della strana posizione di Sea, la società aeroportuale milanese che è socio di minoranza di Sacbo (aeroporto di Orio) e allo scalo bergamasco fa concorrenza “secondo le regole del mercato”, come dichiara il presidente milanese Giuseppe Bonomi.

Vengo sull’argomento come presidente degli agenti immobiliari professionali Fiaip Bergamo perché è indubbio che un aeroporto internazionale come Orio costituisca un valore aggiunto rilevante anche per il mercato immobiliare, con una circolazione turistica che andrebbe anzi meglio intercettata e dirottata sulla nostra città d’arte, e con una ricchezza di collegamenti nazionali e internazionali che rende Bergamo una città dove ha più valore abitare. Col treno siamo un po’ tagliati fuori dai grandi collegamenti, si dice, meno male abbiamo almeno un aeroporto degno di questo nome.

Il grido d’allarme di Miro Radici, presidente Sacbo, è perfettamente condivisibile e commercialmente non fa una grinza: come è possibile subire il conflitto d’interessi di un socio di minoranza che rema contro e si fa concorrenza da solo, a vantaggio degli aeroporti milanesi? Inutile e sopra le righe la reazione di Bonomi, all’insegna del “hanno cominciato prima loro a farci concorrenza” (ci aspettiamo ora “chi lo dice sa di esserlo, mille volte più di te”): il conflitto d’interessi infatti è a carico di Sea che tiene i piedi in due scarpe e non di Sacbo, a meno che Sacbo non detenga a sua volta una partecipazione in Sea. Perfettamente comprensibile anche l’imbarazzo dichiarato da Radici nel trattare di questioni commerciali in un consiglio d’amministrazione che vede la presenza dei soci milanesi “concorrenti di mercato” (parola di Bonomi).

A questo punto il nodo è proprio la partecipazione di Sea in Sacbo, al di là dell’indipendenza dei suoi rappresentanti in cda. Ci auguriamo che per salvare Malpensa, messa in un vicolo cieco dagli errori strategici e dal peccato originale di una localizzazione decentrata e infelice, qualcuno non pensi di rovinare un asset bergamasco così importante come il nostro aeroporto. Ne saremmo tutti danneggiati, non ultimo il mercato immobiliare.

Giuliano Olivati
presidente Fiaip Bergamo

Evasione fiscale: supermercato di Bergamo nei guai

I controlli della Guardia di finanza BERGAMO -- La guardia di finanza di Bergamo ha scoperto un supermercato che, sebbene rilasciasse ...

Danneggia una decina di auto: ucraino arrestato

Le volanti della Polizia BERGAMO -- Un ucraino di trent’anni, senza fissa dimora, ha danneggiato una decina di auto ...