iscrizionenewslettergif
Esteri

Due italiani rapiti in India: chiesto il riscatto

Di Redazione18 marzo 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La guida di trekking Paolo Bosusco

La guida di trekking Paolo Bosusco

KANDHMAL, India — Una guida di trekking e un turista, entrambi italiani, sono stati rapiti due giorni fa dai guerriglieri maoisti nella zona di Surada, al confine fra i distretti di Kandhamal e Ganjam, nello Stato nord-orientale indiano di Orissa.

I due rapiti sono Paolo Bosusco e Claudio Colangelo. Un sovrintendente della polizia, Jaynarayan Pankaj, ha precisato che erano state sequestrate quattro persone, due di esse indiani residenti a Puri sono state rilasciati.

Secondo i due rilasciati, i maoisti che hanno rapito i due italiani hanno detto di non avere intenzione di far loro del male. Il sequestro è stato rivendicato con un audio-messaggio da Shabhasachi Panda, il leader dei maoisti in Orissa: “Abbiamo arrestato due turisti italiani che come centinaia di turisti stranieri trattano la gente locale come scimmie e oggetti ridicoli. Questo è contro l’umanità e vogliamo che la popolazione si sollevi”.

Nell’audio sarebbe stato chiesto un riscatto e fissato a domenica sera un ultimatum.

Tre alpinisti muoiono sul Gasherbrum I

Tre alpinisti sono morti sul Gasherbrum I ISLAMABAD, Pakistan -- Tre alpinisti hanno perso la vita sul Gasherbrum I, in Karakorum, durante ...

Italiani rapiti in India: i maoisti pongono 13 condizioni

I due turisti italiani rapiti in India KANDHMAL, India -- L'ultimatum è scaduto alla mezzanotte di ieri. Ma dai ribelli maoisti, che ...