iscrizionenewslettergif
bergamosvil1png
Poesie

“Giugno” di Marino Moretti

Di Redazione14 marzo 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Ecco, è piena la spica,
e la falce è nel pugno.
Il buon sole di giugno rallegra la fatica.
Or la canzone sale
dal campo del lavoro,
e si accompagna a un coro
stridulo di cicale.
E sale il canto anelo
dalle bocche lontane,
lodando, in terra, il pane
ed il buon Padre in cielo.

“Un ricordo” di Gabriele D’Annunzio

Io non sapea qual fosse il mio malore né dove andassi. Era uno strano giorno. Oh, il ...

“Dici di amarmi” di John Keats

Dici di amarmi, ma con un sorriso freddo come un'alba di settembre. Mi sorridi, lo vedo, ma ...