iscrizionenewslettergif
Poesie

“Un ricordo” di Gabriele D’Annunzio

Di Redazione13 marzo 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Io non sapea qual fosse il mio malore
né dove andassi. Era uno strano giorno.
Oh, il giorno tanto pallido era in torno,
pallido tanto che facea stupore.
Non mi sovviene che di uno stupore
immenso che quella pianura in torno
mi facea, cosí pallida in quel giorno,
e muta, e ignota come il mio malore.
Non mi sovviene che d’un infinito
silenzio, dove un palpitare solo,
debole, oh tanto debole, si udiva.
Poi, veramente, nulla piú si udiva.
D’altro non mi sovviene. Eravi un solo
essere, un solo; e il resto era infinito.

“Preghiera” di Herman Hesse

hand_in_hand_b Quando la mano piccola mi dai che tanti enigmi taciti contiene, ti ho forse chiesto mai se mi ...

“Giugno” di Marino Moretti

2075110532-21164b Ecco, è piena la spica, e la falce è nel pugno. Il buon sole di giugno rallegra ...