iscrizionenewslettergif
Politica

Bufera sulla Regione: Boni indagato per corruzione

Di Redazione6 marzo 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il presidente del consiglio regionale Davide Boni

Il presidente del consiglio regionale Davide Boni

MILANO — Nuova bufera sul Pirellone. Il presidente del Consiglio regionale della Lombardia Davide Boni (Lega) è indagato per corruzione nell’ambito di un’inchiesta del procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo e del sostituto Paolo Filippini su alcuni centri commerciali, in relazione a un filone di indagine nato dall’inchiesta su tangenti al Comune di Cassano D’Adda. Boni è indagato insieme a un suo stretto collaboratore e altre persone.

La Guardia di finanza, su ordine del procuratore aggiunto Robledo e del pm Paolo Filippini, ha perquisito l’ufficio di Boni in Regione. Il presidente del consiglio regionale si è detto “pronto a chiarire tutti gli addebiti” che gli vengono contestati.

Nel frattempo, è indagato anche il capo della segreteria Dario Ghezzi e l’immobiliarista Luigi Zunino, ex numero uno di Risanamento. Zunino sarebbe stato beneficiario di alcuni interventi compiuti sul piano regolatore di Cassano d’Adda. Indagata anche una quarta persona indagata, della quale non è stato rivelato il nome, in quanto si preparerebbe una nuova perquisizione.

Provincia: un milione di euro per le famiglie in difficoltà

La Provincia di Bergamo BERGAMO -- La Provincia di Bergamo mette a disposizione delle famiglie alle prese con le ...

Tangenti in Regione: un milione di euro al leghista Boni

Davide Boni MILANO -- Dopo i casi che hanno riguardato Penati, Nicoli Cristiani e Ponzoni, i magistrati ...