iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Politica

Val di Susa: iGiovani stigmatizza l’uso della violenza

Di Redazione5 marzo 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Manifestazione No-Tav

Manifestazione No-Tav

BERGAMO — Riceviamo e pubblichiamo questo intervento da parte dell’associazione bergamasca  iGiovani, dell’orbita Pdl, in seguito ai fatti accaduti in Val di Susa.

“iGiovani, ancora una volta, vuol porre l’attenzione sulla partecipazione e sul ruolo che i giovani hanno nelle manifestazioni che, sempre più spesso, affollano negativamente la nostra cronaca.

Dopo gli scontri avvenuti nell’ottobre dello scorso anno nella capitale, dalla quale è nata l’idea di costituire l’associazione iGiovani, in questi giorni, vengono riproposte scene violente che vedono come protagonisti i manifestanti No-Tav, tra i quali una larga maggioranza è composta da ragazzi. Non vogliamo entrare nel merito delle proteste, poiché crediamo nella libertà di espressione prevista dalla nostra Costituzione, tuttavia condanniamo senza mezzi termini coloro che, strumentalizzando questo diritto costituzionale, si arrogano il diritto di seminare paura e scompiglio.

Assistiamo, ancora una volta, a giovani facinorosi che per ‘difendere’ le loro idee ricorrono ad atti vandalici e a violenza gratuita verso le forze dell’ordine preposte a presidiare il territorio, adempiendo con correttezza e professionalità al loro mestiere per il quale vengono stipendiati con i soldi dei cittadini onesti, incarnando, quindi, il reale senso del Dovere.

Da giovani, ci rammarichiamo per la poca coscienza civica dimostrata da costoro che – senza ritegno – danneggiano la cosa pubblica ed aggrediscono chi sta facendo soltanto il proprio dovere. Ci rammarichiamo per l’immagine che viene trasmessa e che, generalizzando, rappresenta – ingiustamente – i ragazzi di oggi come una generazione senza valori ed ideali.

Da giovani, ci rammarichiamo nel vedere coetanei incapaci di utilizzare ‘la parola’ per sostenere le proprie convinzioni, di dialogare e proporre idee costruttive.

Auspichiamo – per noigiovani – una svolta radicale: è ora di farsi prendere sul serio o, per meglio dire, renderci credibili, di dimostrare che possiamo contribuire positivamente e attivamente a questa società”.

Amanda Pirovano
Associazione iGiovani

No Tav, Saffioti: solidarietà alle forze dell’Ordine

Carlo Saffioti BERGAMO -- "Esprimo la massima solidarietà, il più incondizionato sostegno e soprattutto infinita riconoscenza per ...

Pdl: anche la Democrazia Cristiana al congresso di Milano

Antonino Magistro della Democrazia Cristiana MILANO -- C'era anche una delegazione della Democrazia Cristiana  lombarda  al congresso cittadino del Pdl ...