iscrizionenewslettergif
Provincia

Scontrini irregolari: chiesta sospensione attività per 9 negozi

Di Redazione2 marzo 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La Guardia di finanza in azione

La Guardia di finanza in azione

BERGAMO — La Guardia di finanza di Bergamo ha chiesto alla Direzione regionale delle entrate la sospensione dell’attività per 9 negozi di Bergamo e provincia che negli ultimi controlli, e così in passato, sono risultati non rilasciare scontrini e ricevute fiscali ai clienti.

Secondo quanto trapelato, a rischiare sono un panificio, due ristoranti, un negozio di abbigliamento, due bar, due parrucchieri e un negozio di alimentari, cinque in città, due nella prima periferia, due nella Bassa Bergamasca.

Gli esercizi commerciali rischiano di dover abbassare le serrande fino ad un mese. Nei recenti blitz della Guardia di finanza sono stati eseguiti oltre 25o controlli e rilevate 119 violazioni, pari al 47 per cento dei casi.

Sconosciuto al fisco, artigiano nascondeva 170mila euro in cantina

I carabinieri aprono i pacchetti contenenti i soldi BERGAMO -- Da due anni per il fisco non ha dichiarato nulla. Però girava con ...

Auto di lusso, fatture false per 400 milioni: 11 arresti

Gli uomini della Guardia di Finanza BERGAMO -- Undici persone sono state arrestate per un giro di fatture false da oltre ...