iscrizionenewslettergif
Primo Piano

La Russia approva legge anti-gay

Di Redazione1 marzo 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il Gay pride di Toronto

Il Gay pride di Toronto

MOSCA, Russia — Il parlamento nazionale russo (la cosiddetta Duma) ha approvato in terza e definitiva lettura una legge che prevede multe per i gay, le lesbiche, i bisessuali o i transgender che professano apertamente il loro orientamento sessuale in presenza di minori, equiparando di fatto manifestazioni come i gay pride alla propaganda della pedofilia.

Il provvedimento è stato aspramente criticato dagli attivisti gay, che lo hanno definito “medioevale”, preannunciando ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

La legge prevede multe di 5000 rubli (120 euro) per i singoli, di 50 mila rubli (1200 euro) per i dipendenti pubblici e sino a 500 mila rubli (12 mila euro) per le organizzazioni che promuovono pubblicamente tali attività.

Da anni gli attivisti tentano di organizzare gay pride a Mosca e a San Pietroburgo ma le loro richieste vengono puntualmente respinte, in un Paese fortemente omofobo. Pur essendo stata abolita nel 1993 come reato, l’omosessualità è rimasta in Russia sino al 1999 nella lista delle malattie mentali.

L’ex sindaco di Mosca Iuri Luzhkov aveva definito “opera di Satana” le parate gay, regolarmente negate o represse a manganellate. Anche il dipartimento di Stato degli Usa ha espresso forte preoccupazione per questa mossa che riduce la libertà di espressione e di manifestazione e ha chiesto ufficialmente alle autorità russe di “proteggere queste libertà e incoraggiare il rispetto dei diritti di tutti i cittadini”. Forti preoccupazioni anche in Europa.

Incidenti: il governo pensa d’introdurre l’omicidio stradale

I carabinieri accorrono sul luogo di un incidente ROMA -- Sarebbe un bel passo in avanti, di civiltà e giustizia. Il governo pensa ...

Concordia: le lamiere contorte sullo scoglio (video)

Le straordinarie immagini delle lamiere contorte sullo scoglio GROSSETO -- "Al momento dell'urto avevamo in uso una carta italiana non adeguata per la ...