iscrizionenewslettergif
Poesie

“Notturno” di James Joyce

Di Redazione29 febbraio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Smunte nella tenèbra
entro a sudari, pallide stelle
le loro torce agitano.
Fatue luci dai più remoti cieli schiaran fioche,
archi su archi svettanti,
la navata della notte nera di peccato.
Serafini,
le osti perdute si svegliano
a servire sino a che
in illune tenèbra ognuna ricade, smorta,
levato che abbia e agitato
il suo turibolo.
E a lungo e alto,
per la notturna navata che si estolle
battito di stelle rintocca,
mentre squallido incenso gonfia, nube su nube,
ai vuoti spazi dall’adorante
deserto d’anime.

“La danza degli impiccati” di Arthur Rimbaud

danza3-affresco-siciliano-1360-circa Alla nera forca, amabile moncone, danzano, danzano i paladini, i magri paladini del demonio, gli scheletri dei Saladini! Messer ...

“Vecchia quercia” di Dschuang Dsi

silver-oaks-in-kula-006 Questa vecchia quercia è un albero inutile. Se tu volessi ricavarne una bara, ben presto marcirebbe. Se ...