iscrizionenewslettergif
Politica

La versione di Nicoli: non era una tangente, erano soldi miei

Di Redazione21 febbraio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Franco Nicoli Cristiani

Franco Nicoli Cristiani

MILANO — Nuovo interrogatorio per l’ex vicepresidente del consiglio regionale lombardo, Franco Nicoli Cristiani, in carcere dallo scorso 30 novembre con l’accusa di corruzione. L’ex piedillino è stato interrogato per circa 4 ore dal pubblico ministero di Milano Paolo Filippini e ha continuato a difendersi sostenendo che quei 100 mila euro in contanti che gli sono stati trovati in casa non sarebbero una tangente, ma soldi suoi.

Secondo l’accusa, Nicoli Cristiani avrebbe intascato una mazzetta da 100 mila euro dall’imprenditore Pierluca Locatelli per accelerare le autorizzazioni della cava di Cappella Cantone, nel Cremonese, da trasformare in discarica d’amianto.

Dalle indagini del pm Filippini e dell’aggiunto Alfredo Robledo stanno cercando di dare un origine a quei 100 mila euro trovati in casa del politico, che non sarebbero gli stessi che gli avrebbe versato Locatelli. Da qui l’ombra di una seconda tangente.

Nel frattempo, Nicoli resta in carcere, mentre Locatelli ha ottenuto gli arresti domicialiari.

Monti: obiettivo riforma del lavoro, con i sindacati o senza

Mario Monti MILANO -- Sulla riforma del lavoro il governo tira dritto. "Siamo molto fiduciosi che entro ...

Margherita, spariti altri 20 milioni di euro

Luigi Lusi ROMA -- Altri 20 milioni di euro, oltre ai 13 già oggetto dell'inchiesta, sono finiti ...