iscrizionenewslettergif
Val Cavallina

Muore dopo 50 giorni il cuoco aggredito da tre zingari

Di Redazione20 febbraio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I carabinieri in azione

I carabinieri in azione

ENTRATICO — Aveva fatto molto discutere la vicenda del cuoco di 54 anni aggredito da tre nomadi italiani che volevano pagare il conto in un ristorante di Entratico. Ebbbene, ore il poveretto è morto a causa delle lesioni riportate in quella rissa del 30 dicembre scorso.

L’uomo, ricorderete, originario di Costa Mezzate, era intervenuto per sedare una discussione che era nata tra il titolare e tre clienti che, probabilmente ubriachi, dopo aver consumato non volevano pagare. La vittima, dopo essere stata spintonata, aveva sbattuto con la testa contro un pilastro.

I responsabili, due fratelli e un cugino tutti fra i 23 e i 31 anni, furono rintracciati poco dopo dai carabinieri e attualmente si trovano agli arresti domiciliari. La loro posizione giudiziaria a questo punto si complica e parecchio.

LEGGI ANCHE
Presi i tre nomadi che aggredirono il cuoco a Entratico

Intossicato dalla stufetta: marocchino in gravi condizioni

L'ambulanza BERGAMO -- Un marocchino di 50 anni si trova ricoverato in gravi condizioni dopo essere ...

Cuoco morto dopo aggressione: i tre nomadi ai domiciliari

Il tribunale di Bergamo BERGAMO -- Il pubblico ministero Letizia Ruggeri aveva chiesto la custodia cautelare in carcere. Ma ...