iscrizionenewslettergif
Bergamo Economia

Confindustria: gara ancora aperta fra Squinzi e Bombassei

Di Redazione16 febbraio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Giorgio Squinzi e Alberto Bombassei

Giorgio Squinzi e Alberto Bombassei

BERGAMO — Mentre Alberto Bombassei invia una lettera al Corriere della Sera in cui spiega i punti programmatici della sua candidatura a presidente di Confindustria, il rivale Giorgio Squinzi ostenta sicurezza. E in un’intervista ad Affari Italiani attacca il patron di Brembo.

“Vedo che c’è un consenso che giorno dopo giorno sta aumentando. Quindi, fa piacere. Non faccio, però, proclami di vittoria come ha fatto invece qualcun altro…”. ha detto Squinzi.

Il patron della Mapei, già vicepresidente della Confindustria con delega sull’Europa, pare essere in testa nelle preferenze degli industriali dopo aver incassato l’appoggio sotterraneo di Assolombarda, di Confindustria Lombardia, Liguria e Federlegno. Squinzi ha incassato anche l’appoggio ufficiale degli industriali di Roma e del Lazio, di Como e Lecco, per quanto riguarda le territoriali, di Federchimica per le categorie. Mentre Confindustria Bergamo ovviamente si è schierata per Bombassei, insieme a Friuli Venezia Giulia.

Divisi invece gli industriali bresciani. Da un lato la territoriale e dall’altro le categorie. L’Associazione industriale bresciana, guidata da Gianfranco Dallera, sta con Bombassei. Giuseppe Pasini, presidente della Feralpi di Lonato e numero uno di Federacciai, sta invece con Squinzi.

Mancano ancora Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, Marche e Abruzzo. L’elezione del nuovo presidente avverrà il 22 marzo prossimo.

La Chiesa pagherà l’Ici sugli immobili commerciali: stangata da 700 milioni

Mario Monti ROMA -- Qualcuno dice 100 milioni. Secondo altre stime sarebbero addirittura 700. Fatto sta che ...

Francesco Dettori nuovo procuratore capo di Bergamo

Francesco Dettori BERGAMO -- Sarà Francesco Dettori il nuovo procuratore capo di Bergamo. Lo ha deciso oggi ...