iscrizionenewslettergif
Esteri

Whitney Houston: ipotesi avvelenamento da Xanax

Di Redazione14 febbraio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Whitney Houston

Whitney Houston

LOS ANGELES, Usa — Voci di bancarotta per un’artista che aveva venduto 170 milioni di dischi, indiscrezioni su una presunta dipendenza da crack, mentre nella suite al quarto piano dell’hotel sarebbero state trovate “decine di bottiglie” di ansiolitici e sonniferi tra cui Valium, Xanax e Lorazepam. I susseguono le indiscrezioni sulla morte di Whitney Houston.

Secondo alcuni media americani la cantante sarebbe morta per un cocktail letale di alcol e farmaci. La famiglia della cantante è stata informata dal medico legale di Los Angeles che Whitney non è morta annegata ma per una combinazione fatale di alcolici e farmaci tra cui lo Xanax.

“Whitney Houston era viva, vegeta e sorridente meno di un’ora prima del suo ritrovamento all’interno della sua stanza”, avrebbero affermato alcuni camerieri del Beverly Hilton Hotel di Los Angeles, nel quale é stato ritrovato il corpo senza vita della regina del soul sabato scorso.

La polizia ha disposto esami tossicologici. Per gli esiti ci vorrà almeno un mese e mezzo ha precisato il coroner.

Whitney Houston: primi dubbi sulla morte

Whitney Houston LOS ANGELES, Usa -- Una cantante che ha partecipato in un duetto improvvisato con Whitney ...

Leader dei narcos si fa costruire un mausoleo

Un intervento della polizia messicana CITTA' DEL MESSICO -- Non è ancora ufficiale, ma negli ambienti di polizia e non ...