iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Politica

Formigoniani: oggi il candidato ufficiale. Raimondi si gioca tutto

Di Redazione2 febbraio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Marcello Raimondi a un incontro dei formigoniani

Marcello Raimondi a un incontro dei formigoniani

BERGAMO — L’appuntamento è per giovedì sera, alla Casa del Giovane di Bergamo alle 21. Qui i formigoniani di Marcello Raimondi e Marco Pagnoncelli si riuniranno per ufficializzare il candidato alla prossimo congresso provinciale del Pdl che si terrà il 12 febbraio alla Fiera di via Lunga.

Si tratterà delle ormai celebri “primarie” di corrente o giù di lì, annunciate prima di Natale e per le più svariate vicissitudini pronte solo ora. Duecentottanta delegati dello schieramento formigoniano saranno chiamati ad esprimere un candidato. Anche se diversi osservatori sostengono che si tratti più di un passaggio formale che di un’effettiva elezione, dal momento che i rapporti di forza all’interno dello schieramento sono piuttosto chiari e stabiliti, e tendono decisamente verso i raimondiani.

E infatti, il candidato principe sarà Angelo Capelli, raimondiano doc, anche se non amato da tutta la compagine. In campo, molto probabilmente ci sarà anche il sindaco di Castelli Calepio Flavio Bizzoni. Non è del tutto esclusa una candidatura tutta targata Cl, mentre salgono le quotazioni di Antonio Martinelli.

Certo tutto può accadere, ma oggettivamente pare improbabile un tradimento agli ordini di scuderia impartiti da Raimondi. L’assessore regionale, d’altronde, in questo momento si gioca tutto. Il suo coinvolgimento dietro le quinte della campagna precongressuale è stato pressoché totale. Raimondi ha orchestrato i giochi e dettato la linea politica dei formigoniani, come peraltro gli competeva. La sua leadership nello schieramento non è mai stata in discussione. Così come le posizioni chiave per i suoi uomini. E, nonostante le timide aperture verso i laici, non ha mai disdegnato la conta.

Se il suo candidato vincerà il congresso, Raimondi avrà in mano il partito e, al di là dei proclami di facciata, per i laici del Pdl sarà vita dura. Se invece dovessero prevalere questi ultimi, la ricandidatura di Raimondi in Regione o le ambizioni di una corsa per Roma verrebbero drasticamente ridimensionate.

Sondaggi nazionali: Pdl in caduta libera, -4 per cento

La bandiera del Pdl MILANO -- E' decisamente in caduta libera il gradimento del Pdl negli italiani. Lo sostiene ...

Rimpasto, l’assessore Raimondi: sono a disposizione di Formigoni

Marcello Raimondi BERGAMO -- "Il mio nome è tra quelli a cui è stato chiesto di lasciare ...