iscrizionenewslettergif
Provincia

Inchiesta Locatelli: Pierluca chiede il patteggiamento

Di Redazione30 gennaio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Pierluca Locatelli

Pierluca Locatelli

BERGAMO — Il costruttore bergamasco Pierluca Locatelli, che si trova agli arresti nel carcere di San Vittore, ha avanzato richiesta di patteggiamento ai magistrati di Milano che lo indagano per corruzione.

La strategia difensiva dell’avvocato Roberto Bruni è volta ad ottenere una pena entro i limiti della sospensione condizionale (due anni). Negli ultimi interrogatori, l’imprenditore di Grumello del Monte ha confermato il versamento di 100mila euro all’ex vicepresidente del consiglio regionale Franco Nicoli Cristiani. Secondo Locatelli, si trattava di una prima tranche di una tangente da 200 mila euro per sbloccare l’autorizzazione della discarica di amianto di Cappella Cantone, nel Cremonese.

Dalle indagini però sono emerse alcune dicrepanze. Locatelli aveva detto di aver consegnato il contante tramite il funzionario Arpa Giuseppe Rotondaro, in tagli da 50, 100 e, in misura minore, 500 euro, come ha confermato la moglie Orietta, indagata. Mentre i centomila euro scovati due mesi dopo nella casa di Nicoli Cristiani erano tutti in pezzi da 500.

Sulla vicenda c’è la lente d’ingrandimento dei pm di Milano Robledo e Filippini. Intanto proseguono le indagini sullo smaltimento di materiali illeciti sotto il sedime della Brebemi, in mano alla procura di Brescia. Per questo filone dell’inchiesta, il giudice per le indagini preliminari di Brescia ha concesso gli arresti domiciliari a Locatelli.

Malore sul Falecchio: salvato dal soccorso alpino

Gli uomini del soccorso alpino CLUSONE -- Deve la vita alla professionalità del soccorso alpino, l'uomo che sabato è finito ...

Arriva il Buran: previsti -30°C sulle Alpi

Arriva il grande freddo sull'Italia BERGAMO -- Arriva il gelo siberiano, tanto che i meteorologi prevedono sull'Italia i cinque giorni ...