iscrizionenewslettergif
Primo Piano

Concordia: tutti i “veleni” nella pancia della nave

Di Redazione30 gennaio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La Concordia spinta dal mare mosso

La Concordia spinta dal mare mosso

ISOLA DEL GIGLIO — Ci sono tonnellate di “veleni” per il mare, a bordo dalla Costa Concordia naufragata il 13 gennaio scorso fuori dal porto dell’Isola del Giglio. Secondo i dati resi noti dal Commissario per l’emergenza Gabrielli, sulla nave ci sono sostanze che mettono decisamente a rischio il mare incontaminato dell’isola.

Si tratta di sostanze utilizzate normalmente durante la navigazione, ma che ora rischiano di provocare un danno irreparabile alle acque cristalline del Giglio.

La Concordia ha infatti nel suo ventre squarciato oltre 1.300 metri cubi di acque grigie e nere, circa 41 metri cubi di oli lubrificanti, 10 bombole per un totale di 400 litri di ossigeno, 280 litri di acetilene, 128 bombole per un totale di cinquemila litri di azoto, quasi 4000 litri di anidride carbonica, 600 chili di grassi per apparati meccanici, 350 chili di smalti densi, 855 litri di smalto liquido, 293 litri di pittura, 50 litri di insetticida, una tonnellata di ipoclorito di sodio, una stima di duemila metri cubi di carburante e altri 203 metri cubi di gasolio.

I dati sono stati forniti dalla compagnia di navigazione. Intanto, il commissario per l’emergenza ha fatto sapere che ci vorranno dai 7 ai 10 mesi per rimuovere il relitto. I residenti del Giglio temono per le ripercussioni sulla stagione estiva, mentre si cerca un altro varco d’accesso all’isola.

Nel frattempo, a causa del mare grosso, ieri la nave si è spostata di 4 centimetri in 6 ore.

Milano, controlli fisco: un locale su tre non emette scontrino

Gli uomini della Guardia di finanza MILANO -- Raffica di controlli contro l'evasione fiscale nel fine settimana a Milano. Sabato l'Agenzia ...

Fisco, controlli alla movida: incassi cresciuti del 44 per cento

I controlli della Guardia di finanza in centro Milano MILANO -- Con gli uomini dell'agenzia delle entrate nei paraggi, gli incassi registrati nei locali ...