iscrizionenewslettergif
Bergamo

Commercio a Bergamo: contributi per l’apertura di nuovi negozi

Di Redazione19 gennaio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Via Paglia, a Bergamo

Via Paglia, a Bergamo

BERGAMO — Un piano per rilanciare il commercio in alcune zone della città. Ascom affianca gli imprenditori interessati al bando pubblicato dal Comune di Bergamo lo scorso dicembre “per la selezioni di soggetti a cui concedere contributi a sostegno della costituzione di nuove attività commerciali ed artigianali in aree urbane da rivitalizzare”.

Il bando, che scade il prossimo 29 febbraio, sostiene l’apertura di nuove attività commerciali in sei aree cittadine: via Bonomelli, via Paglia, via Pignolo, via Quarenghi, via San Bernardino e nel quartiere di Grumello al Piano.

“La nostra Associazione ha affiancato l’amministrazione nella stesura del bando ed ora è a disposizione degli imprenditori che intendono prenderlo in considerazione – spiega Oscar Fusini, vicedirettore di Ascom Bergamo –. Sappiamo bene quanto sia già difficile la realtà commerciale di alcune aree cittadine e che il contributo non è la panacea di tutti i mali. L’iniziativa è però fondamentale per l’attenzione al tema del disagio del commercio cittadino ed offre una prima risposta all’esigenza di salvaguardare i negozi, in quanto pone al centro il commercio tradizionale. Certo, la sfida da affrontare è notevole, ma si tratta di rivitalizzare aree a rischio di desertificazione e di creare le condizioni per arginare il fenomeno, inaugurando attività in grado di apportare valore all’area e innescando un circolo virtuoso per il commercio”.

Secondo l’Amministrazione comunale, nelle aree segnalate dovrebbero nascere nuove attività, come minimarket, panetterie, fruttivendoli, salumerie, cartolerie, edicole, negozi di ferramenta, di casalinghi, mercerie, sartorie, attività di lavasecco, ma potrebbero trovare un’interessante collocazione anche negozi di antiquariato, fashion design shop e botteghe che ripropongono gli antichi mestieri.

Il contributo previsto dal bando è per ogni attività pari al 50 per cento degli investimenti, fino ad un massimo di 15mila euro.

Per informazioni sulla compilazione del bando è possibile contattare lo Sportello del Credito di Ascom-Fogalco al numero 035-4120210. Il bando è scaricabile anche dal sito di Ascom Bergamo.

E’ il traffico il problema più sentito in Lombardia

Il traffico è il problema maggiormente sentito dai lombardi BERGAMO -- Il problema più sentito in regione Lombardia è il traffico. Lo sostiene quasi ...

Lavoro in Bergamasca: previsioni negative per il primo trimestre

Cala il lavoro nelle imprese bergamasche BERGAMO -- Nel prossimo trimestre, in provincia di Bergamo, sono previste 2370 assunzioni a fronte ...