iscrizionenewslettergif
Poesie

“Scherzo” di Giacomo Leopardi

Di Redazione12 gennaio 2012 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Quando fanciullo io venni
A pormi con le Muse in disciplina
L’una di quelle mi pigliò per mano;
E poi tutto quel giorno
La mi condusse intorno
A veder l’officina.
Mostrommi a parte a parte
Gli strumenti dell’arte,
E i servigi diversi
A che ciascun di loro
S’adopra nel lavoro
Delle prose e de’ versi.
Io mirava, e chiedea:
Musa, la lima ov’è? Disse la Dea:
La lima è consumata; or facciam senza.
Ed io, ma di rifarla
Non vi cal, soggiungea, quand’ella è stanca?
Rispose: hassi a rifar, ma il tempo manca.

“Il cavaliere povero” di A. Sergeevic Puskin

thumbs.php_ Viveva al mondo un cavaliere povero silenzioso e semplice d'aspetto tetro e pallido d'animo ardito e onesto Egli aveva ...

“L’amico che dorme” di Cesare Pavese

imageserver.gif Che diremo stanotte all'amico che dorme? La parola più tenue ci sale alle labbra dalla pena più ...